Appalti a Tvn. Apertura dell’Enel, sospeso il presidio

304

Operai a TvnCIVITAVECCHIA – Sospeso il presidio di lavoratori e sindacati davanti la Centrale di Torre Valdaliga Nord. Le aperture, seppur parziali come le definiscono le OO.SS, a parte dell’Enel in tema di appalti hanno infatti indotto i manifestanti ad interrompere per il momento la protesta anche se resta alta la vigilanza in difesa dell’occupazione.
“Fiom e Cgil – si legge in una nota sottoscritta dal Segretario generale territoriale Cesare Caiazza e da quello della Fiom Elsa Bertero – relativamente al verbale di riunione del 29 marzo dell’Osservatorio regionale Enel, sottoscritto in data odierna da Enel Divisione Gem e OO.SS., al di là di tanti altri temi affrontanti sui quali nei prossimi giorni esprimeranno una valutazione di merito, sottolineano importanti avanzamenti, ascrivibili anche alla mobilitazione dei lavoratori metalmeccanici che da molti giorni sono in presidio davanti la Centrale di Torre Valdaliga Nord, rispetto alla complessa problematica degli appalti. Nello specifico è stato chiarito come Enel, nella definizione e aggiudicazione degli appalti, è tenuta a considerare non solo l’entità economica delle offerte ma anche i requisiti dei soggetti imprenditoriali che devono essere qualificati sotto il profilo safety, tecnico, legale ed economico-finanziario”.
In questo modo, secondo la Cgil, anche se parzialmente si supera la logica delle gare aggiudicate in ragione solo del “massimo ribasso”.
“Abbiamo registrato inoltre – proseguono Caiazza e Bertero – la disponibilità di Enel ad ‘attuare tutte le iniziative che possano consentire il massimo coinvolgimento dell’imprenditoria locale’ insieme all’impegno attraverso una richiesta di attenzione nei confronti degli appaltatori per ‘l’assunzione di mano d’opera locale, tenuto anche conto delle competenze professionali già formatesi nel territorio’”.
Infine l’Enel si è impegnata, fa sapere la Cgil, a convocare uno specifico incontro, sul tema complessivo del sistema degli appalti, con la partecipazione oltre che delle OO.SS. anche delle Associazioni Datoriali.
“Ritenendo importanti gli avanzamenti intervenuti – concludono Caiazza e Bertero – anche se ancora non totalmente soddisfacenti, la Fiom di Civitavecchia, dopo l’assemblea di questo pomeriggio con i lavoratori dell’Impresa Guerrucci, insieme agli stessi, ha deciso di sospendere il presidio.  Ovviamente, resta alta la vigilanza del Sindacato e dei lavoratori in particolare sugli sviluppi connessi alla gara di appalto in corso delle manutenzioni a Torre Valdaliga. Fiom e Cgil non consentiranno soluzioni che non prevedano almeno il mantenimento di tutti gli attuali posti di lavoro e, se necessario, ricorreranno ad ulteriori ed aspri momenti conflittuali e di mobilitazione in difesa dell’occupazione”.