“Al di là degli schieramenti, tutti uniti contro il Biodigestore”

CIVITAVECCHIA – “Tutti insieme, al di là dei partiti, degli schieramenti politici, uniti come cittadini e rappresentanti del nostro territorio, un territorio che, seppure caratterizzato da eccellenze, in particolare nel patrimonio naturalistico e ambientale, continua ad essere martoriato dall’inquinamento, abbiamo manifestato la nostra totale contrarietà al Biodigestore alla manifestazione organizzata oggi a Civitavecchia e continueremo a portare avanti questa battaglia fino al ritiro definitivo del progetto”.

Così in una nota il sindaco di Allumiere Antonio Pasquini, il vice sindaco Manrico Brogi, i consiglieri Sante Superchi, Gabriele Volpi, Luigi Artebani e tutta la maggioranza, il segretario del PD di Allumiere Karyn Minerva, i consiglieri del Pd Tolfa Sharon Carminelli, Mario Curi, Marcello Chiavoni e Chiara Riversi dopo la manifestazione di ieri sera a Civitavecchia.

Dopo anni di lotte e battaglie – prosegue la nota – quando finalmente sembrava si potesse tirare un sospiro di sollievo per quella che doveva essere una transizione a vocazione ecologica, con la prospettiva della chiusura della centrale a carbone, oggi ci ritroviamo, invece, a dover scendere in campo a difesa del territorio: dopo la proposta della mega discarica autorizzata dall’allora ministro dell’interno la Russa e dal Sindaco Alemanno, dell’inceneritore di appena qualche anno fa, oggi vengono a parlarci di biodigestore da 120 mila tonnellate di rifiuti organici l’anno. Dopo aver avuto il terribile primato per incidenza di tumori ai polmoni, aumento di casi di Autismo, legato incontrovertibilmente all’inquinamento, alle malattie respiratorie di ogni tipo, al deturpamento del territorio che ha soffocato la vocazione turistica, ci sembra assurdo e inaccettabile oggi dover ribadire che abbiamo già dato troppo, in termini soprattutto di salute. È per questo che rinnoviamo l’appello pubblico e privato, ai nostri rappresentanti regionali, in particolare a quelli del Partito Democratico, di dare voce agli interessi dei cittadini di Allumiere Tolfa, Santa Marinella, Civitavecchia e Tarquinia, alla loro salute, alla loro economia e al loro territorio. Faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità per opporci a questa scellerata imposizione, per noi, per i nostri cittadini e per i nostri figli”.