Achantus: “Mettere a sistema le Necropoli con le chiese e il nostro parco termale”

314

CIVITAVECCHIA – “Il decimo anniversario del riconoscimento della Necropoli di Cerveteri e Tarquinia come Sito Unesco deve essere considerato un punto di partenza per lavorare su nuovi sviluppi e nuovi itinerari turistico-archeologici che partano dalla Necropoli e si sviluppino a nord della Regione, siamo convinti che il turismo archeologico necessiti di itinerari pensati ad hoc e di una iniezione di positiva creatività”, così Giuseppe Astolfi, Presidente del cda di Acanthus il Polo Termale progettato per ridisegnare il volto turistico di Civitavecchia, che aggiunge: “Questo disegno strategico può contare, oltre che sul fascino indiscutibile e sull’interesse mondiale della Necropoli, anche di altri valori aggiunti che vanno messi a sistema. Parliamo delle chiese di San Giovanni alle Terme, della chiesa di Sant’Egidio vecchio e San Giulio e del polo termale Acanthus che abbraccerà questi siti archeologici, essendo ubicati nella vasta area dove sorgerà il complesso termale. Avremo così un unica macro area ad alta vocazione turistica che soddisferà le richieste di chi desidera coniugare benessere personale e fruizione culturale di altissimo livello”.
“Per gli archeologi – prosegue la nota di Acanthus – queste chiese medioevali sono di massimo interesse essendo legate al culto e al mito dei cavalieri templari. Su questi preziosi siti stiamo lavorando insieme alla Società Storica Civitavecchiese e al responsabile Enrico Ciancarini – in sintonia piena con Giuseppe Sarnella, proprietario dell’area che si è dimostrato molto sensibile sul tema – per una loro riqualificazione e una loro promozione”.
“Se alla naturale vocazione turistica di questo territorio saremo in grado di affiancare nuove proposte che intercettino nuove domande del turismo moderno, come appunto il turismo archeologico o quello legato al termalismo o all’aspetto enogastronomico, certo l’appeal dell’Alto Lazio diventerà sempre maggiore, sia all’estero che in Italia”, spiega Astolfi.
Il progetto del Polo Termale di Acanthus, sostenuto dal Gruppo Accor – leader mondiale nell’Hotellerie di lusso, si avvale inoltre della consulenza dell’advisor internazionale Cushman&Wakefield – è destinato a ridisegnare in positivo il ruolo di Civitavecchia nel panorama turistico internazionale.
L’interesse del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti su questi temi è fondamentale perché serve il lavoro di tutti gli attori in campo , contiamo inoltre di presentare nel dettaglio il nostro progetto al sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino quanto prima per iniziare un percorso insieme”, conclude la nota.