8 marzo. “Dedicato a Pillon, donne vincono comunque”

CIVITAVECCHIA – Voglio dedicare questo 8 marzo al senatore Pillon che vuole far retrocedere la condizione femminile in Italia al Medioevo. Di certo sarà anche lui allergico al polline delle mimose. Il mio augurio è che trovi il posto che gli compete nella storia, sulla desolata panchina degli sconfitti. Restano, vincitrici, le donne. Con la loro caparbietà, il loro paziente tessere la trama delle rivendicazioni, la loro forza. Operaie, impiegate, madri, insegnanti, che ci hanno consegnato un tesoro fatto di diritti: aborto, divorzio, suffragio universale, solo per citarne alcuni. Valori che sono costantemente sotto attacco e che vanno difesi con costanza. Auguro alle ragazze, le donne di domani, di avere la forza di raccogliere il testimone e di guardare sempre avanti. La discriminazione, la violenza, sono sempre dietro l’angolo: vengono fuori inaspettatamente e colpiscono. Vostro compito sarà quello di non abbassare mai la guardia. Andate verso nuovi traguardi, rivendicate nuovi diritti. Sappiate che, dietro di voi, c’è un esercito di donne che, in passato, ha lottato a lungo e che non vi abbandonerà mai.

Marietta TideiConsigliera regionale del Lazio (Pd)