Per il piccolo Iya e per tutti gli altri

219

È stato l’ospedale governativo del distretto di Kono a chiedere aiuto a Sara, la coordinatrice medica dell’ospedale gestito da Emergencydi Goderich, in Sierra Leone.
“Iya era appena nato con un grave difetto congenito – raccontano i volontari di Emergency – inoperabile in quell’ospedale, e aveva bisogno di un intervento urgente. Avvolto in un telo colorato, Iya è arrivato al nostro Centro chirurgico di Goderich in braccio alla sua mamma. È stato un intervento complicato su un bambino di soli 4 giorni, ma adesso Iya si sta riprendendo in terapia intensiva, accudito da tutto lo staff che tifa per lui. Nonostante le difficoltà e la paura del possibile contagio l’ospedale di Goderich non ha mai smesso di lavorare, nemmeno nel pieno dell’epidemia di Ebola. E anche adesso continua a essere il Centro chirurgico di riferimento per l’intero Paese”.