Covid-19. Greta Thunberg e l’ONG Human Act lanciano una campagna per i diritti dei bambini

352

L’attivista per il clima Greta Thunberg ha lanciato oggi una campagna in favore dei diritti dei bambini con la ONG danese Human Act per sostenere gli sforzi dell’UNICEF in risposta alla pandemia di COVID-19 e per proteggere i bambini dalle sue conseguenze dirette e a catena, tra cui la carenza di cibo, i sistemi sanitari in difficoltà, la violenza e la perdita dell’istruzione.

“Come la crisi climatica, la pandemia di coronavirus è una crisi dei diritti dei bambini”, ha detto Thunberg. “Colpirà tutti i bambini, ora e nel lungo termine, ma i gruppi vulnerabili saranno i più colpiti. Chiedo a tutti di farsi avanti e di unirsi a me nel sostenere il lavoro vitale dell’UNICEF per salvare le vite dei bambini, per proteggere la salute e continuare l’istruzione”.

La campagna è stata lanciata con una donazione iniziale a nome di Human Act e della Fondazione Greta Thunberg all’UNICEF di 200.000 dollari. Greta Thunberg è stata recentemente premiata per il suo attivismo globale da Human Act, che ha concesso alla sua Fondazione un premio in denaro di 100.000 dollari. Questa somma andrà ora all’UNICEF insieme ad altri 100.000 dollari donati da Human Act.

I proventi della campagna andranno direttamente a favore dei programmi di emergenza dell’UNICEF per combattere il COVID-19, anche attraverso la fornitura di sapone, mascherine, guanti, kit per l’igiene, dispositivi di protezione, informazioni salvavita e altro supporto ai sistemi sanitari.
Un rapporto pubblicato questo mese dalle Nazioni Unite ha evidenziato che i bambini rischiano di essere tra le più grandi vittime della pandemia di COVID-19. Mentre i bambini sono stati in gran parte risparmiati dagli effetti diretti sulla salute della malattia finora, la crisi sta avendo un profondo effetto sul loro benessere generale. Tutti i bambini, di tutte le età e in tutti i Paesi, sono colpiti, in particolare dagli impatti socio-economici e, in alcuni casi, dalle misure di mitigazione attuate per arginare la diffusione della malattia.
La risposta globale al COVID-19 dell’UNICEF si concentra sulla collaborazione con i partner per contribuire a ridurre la trasmissione del virus e a mitigare il suo impatto sui bambini, garantendo al tempo stesso la continuità dei servizi essenziali per i bambini.

Questo include:
• Garantire l’accesso e la disponibilità di beni e servizi chiave per i bambini, le donne e le popolazioni vulnerabili.
• Aumentare i messaggi sul lavaggio delle mani con il sapone.
• Sostenere i governi nella fornitura di dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari, compresi camici, guanti e mascherine, nonché concentratori di ossigeno e medicinali.
• Sostenere le opportunità di apprendimento a distanza per i bambini che non possono accedere alla scuola.
• Fornire supporto psicologico e psicosociale ai bambini e alle famiglie colpite.
• Aiutare a mantenere le vaccinazioni essenziali e gli altri servizi per i bambini.

“La pandemia di coronavirus è la più grande lotta che il mondo abbia mai visto in generazioni”, ha detto il Direttore generale dell’UNICEF Henrietta Fore. “I bambini e i giovani sono tra i più duramente colpiti dagli effetti a catena del COVID-19, quindi è normale che vogliano fare qualcosa al riguardo. Attraverso il suo attivismo, Greta Thunberg ha dimostrato che i giovani sono pronti a prendere posizione e a guidare il cambiamento nel mondo. L’UNICEF è molto lieto che Greta e i suoi sostenitori non solo abbiano scelto di prendere posizione contro questa pandemia, ma di farlo in collaborazione con l’UNICEF”.