Carenza di ossigeno in Ucraina per i pazienti Covid

Dal Dottor Giovanni Ghirga riceviamo e pubblichiamo:

Il leader dell’OMS afferma che la carenza di ossigeno “critica” in Ucraina avrà un impatto sulla capacità di curare i pazienti affetti da Covid-19.

I leader dell‘Organizzazione mondiale della sanità mercoledì hanno parlato della necessità di fornire ossigeno all’Ucraina per curare i pazienti affetti da Covid-19 e quelli con altre condizioni.

“La carenza critica di ossigeno avrà un impatto sulla capacità di curare i pazienti con Covid-19 e molte altre condizioni. Almeno tre importanti impianti di ossigeno in Ucraina sono stati chiusi e stiamo cercando modi per accedere all’ossigeno dai paesi vicini e modi per consegnarlo in sicurezza dove è necessario”, ha affermato il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in una conferenza stampa.
Tedros ha affermato che c’è una “necessità urgente” di stabilire un corridoio in modo che i rifornimenti possano essere trasportati nella regione.

“Penso che la stima solo la scorsa settimana fosse di 2.000 persone in ossigeno, ossigeno ad alto flusso per covid”, ha affermato il dottor Mike Ryan, direttore esecutivo del programma per le emergenze sanitarie dell’OMS, aggiungendo che il numero è probabilmente aumentato da allora, comprese le persone che hanno bisogno di ossigeno per condizioni non covid.

“L’ossigeno, quando necessario, nella COVID-19 è fondamentale. Non puoi aspettare fino a domani per l’ossigeno. Non puoi aspettare fino alla prossima settimana. Non puoi essere messo in lista d’attesa per l’ossigeno. Non puoi stare in coda per l’ossigeno. L’ossigeno ti salva la vita in questo momento. Quando ne hai bisogno, ne hai bisogno”, ha commentato.

FONTE: V Langmaid, CNN Health