Croce Rossa in prima linea

0
483

In questi giorni Croce Rossa Italiana sta firmando importanti accordi a livello nazionale. In prima linea su più fronti, l’associazione di volontariato più grande del mondo si sta impegnando su vari fronti ad aiutare ovunque ce ne sia bisogno, dando supporto  in vari ambiti.

Siglato in data 18/05/2020 l’accordo tra CRI e MIUR per il supporto alle Istituzioni scolastiche per lo svolgimento degli esami di Stato. In realtà Croce Rossa Italiana e il Ministero dell’Università e della Ricerca collaborano già da svariati anni: è del 2017 infatti la firma del protocollo di intesa indirizzato allo sviluppo dell’educazione alla salute e diffusione del volontariato giovanile, che rinnova la precedente intesa conclusa nel 2013. Promozione di stili di vita sani e sicuri, diffusione dell’insegnamento di manovre salvavita, sicurezza stradale. Prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, donazione di sangue, questi sono solo alcuni dei temi che interessano la collaborazione tra Croce Rossa e MIUR e che vedono studenti e volontari collaborare con progetti e attività formative.

Il Presidente Nazionale Rocca ha dichiarato: “Motivo di orgoglio di tutta la Croce Rossa Italiana oltre che mio personale continuare ad essere, specie in questo momento storico così drammatico, un punto di riferimento costante a supporto delle Istituzioni dello Stato e della comunità nazionale tutta”.

Questa nuova convenzione, firmata dalla Dott.ssa Giovanna Boda, Capo Dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali, Coordinatore della Task Force per le emergenze educative e il Segretario Generale di Croce Rossa Flavio Ronzi, mira a rispondere in tempi  brevissimi alle richieste degli Istituti Scolastici, che arriveranno ai tavoli tecnici regionali in essere. I volontari dei vari Comitati territoriali della CRI saranno a disposizione, coordinati dai Comitati Regionali in raccordo con gli Uffici Scolastici Regionali, per la formazione di circa 6000 unità del personale scolastico sui contenuti previsti dal “Documento tecnico sulla rimodulazione delle misure contenitive nel settore scolastico per lo svolgimento dell’esame di Stato nella scuola secondaria di secondo grado”, per la creazione di un servizio di help desk attraverso un supporto telefonico garantito dai medici CRI, la partecipazione di un rappresentate CRI al tavolo nazionale permanente e un rappresentate per ciascun tavolo regionale, infine per il supporto alle singole Istituzioni scolastiche sede degli esami di Stato, attivabile su richiesta, per la verifica del rispetto delle misure di distanziamento e igiene all’interno delle sedi di esame.

Gli elevati standard qualitativi e l’uniformità formativa ed operativa dimostrata nel corso di precedenti collaborazioni, unitamente alla capillarità della presenza di volontari CRI sul territorio nazionale, sono i fattori decisivi che hanno determinato l’affidamento a Croce Rossa anche di altri delicati compiti, come quello secondo cui la Croce Rossa Italiana è stata chiamata a dare il proprio contributo nell’indagine di sieroprevalenza promossa dal Ministero della Salute, in collaborazione con il Comitato Tecnico Scientifico, l’ISTAT, l’Istituto Superiore di Sanità e l’Ospedale Lazzaro Spallanzani, con l’obiettivo di definire l’estensione dell’infezione da virus SARS-Cov2. Croce Rossa si occuperà di contattare telefonicamente gli utenti tramite call center regionali, somministrerà agli utenti questionari telefonici e fisserà gli appuntamenti per i prelievi.

Ma tantissimi altri sono i campi in cui i circa 150000 Volontari italiani di Croce Rossa sono impiegati quotidianamente da sempre, ancor di più da quando è stata dichiarata l’emergenza Covid, che il Presidente Rocca ha chiamato “Il tempo della gentilezza”. In questi mesi tutti i Comitati territoriali sono in prima linea per fare fronte alle richieste di aiuti che giungono da tutti i livelli attraverso i vari canali: il numero verde nazionale di Croce Rossa 800-065510, le segnalazioni dei COC (Centri operativi comunali) e le richieste dirette.

Per avere un ordine di grandezza del lavoro che stanno svolgendo i volontari abbiamo parlato con il Presidente di uno dei Comitati più estesi della zona: il Comitato di Santa Severa-Santa Marinella che copre anche il territorio di Cerveteri e Ladispoli.

 “Dalla fine di Febbraio ad oggi abbiamo dato risposta a circa 900 nuclei famigliari, per un numero totale di oltre 2000 persone, abbiamo garantito risposta ad ogni tipo di esigenza, dal farmaco alla spesa, abbiamo dato supporto per le più svariate richieste quotidiane – Dichiara il Presidente Fabio Napolitanoma non solo: abbiamo monitorizzato e supportato pazienti positivi al Covid-19 e persone in isolamento cautelativo. Per farlo abbiamo percorso oltre 70.000 chilometri e non abbiamo mai cessato il lavoro ordinario dei trasporti sanitari e del servizio di emergenza 118 in convenzione con Ares. La grossa sfida attuale sarà riuscire a gestire – continua il Presidente – la fase dell’emergenza sociale, emersa prepotentemente già nelle prime settimane, ma che sta avendo un incremento costante ogni giorno che passa. Attualmente ci occupiamo di fornire pacchi alimentari e altri aiuti a circa 150 nuclei famigliari per un numero complessivo di persone che supera le 500 unità. L’impegno di tutti è grande e vorrei approfittarne per ringraziare i miei Volontari, in prima linea ogni giorno, ma soprattutto tutte le persone che ci stanno aiutando con donazioni dirette, 5×1000 e supporto a vario titolo, con l’aiuto di tutti andrà tutto bene”.

 

Francesca Ivol

 

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY