Unicef e Giro d’Italia insieme verso un solo traguardo: “arrivare a Zero”

Giro d’Italia per la prima volta al fianco dell’UNICEF per cercare, tappa dopo tappa, di raggiungere un traguardo sicuramente ambizioso ma possibile: azzerare il numero di bambini che perdono la vita per cause prevedibili o facilmente curabili.
Giro d’Italia ha colto la sfida e deciso di supportare l’UNICEF nella grande lotta alla mortalità infantile. Per questo motivo in tutte le tappe saranno presenti volontari e testimonial dell’UNICEF per promuovere il numero di SMS solidale 45505 attraverso cui è possibile donare 2 euro e sostenere la campagna “Vogliamo Zero”. .
Insieme al Presidente dell’UNICEF Italia Giacomo Guerrera, al Direttore generale Davide Usai e al Portavoce Andrea Iacomini – saranno diversi i testimonial che seguiranno la carovana: Simona Marchini – che ha inaugurato ieri la prima tappa italiana di Verona – Andrea Lo Cicero – presente oggi alla tappa di arrivo di Fano – Yuri Chechi, Deborah Compagnoni, Angela Finocchiaro e Kledi Kadiu sono i primi che hanno confermato la presenza, ma si aggiungeranno altri personaggi.
“E’ con vero entusiasmo che i nostri testimonial e tanti volontari sparsi per l’Italia hanno accolto la notizia dell’attiva partecipazione dell’UNICEF al Giro d’Italia, a dimostrazione che questa è sicuramente una grande manifestazione sportiva che riesce ad aggregare e coinvolgere un pubblico vasto ed eterogeneo”- ha dichiarato il Presidente dell’UNICEF Guerrera – “Mi auguro che quest’anno tutti gli appassionati del Giro possano cogliere anche la sfida di ‘arrivare a zero’, decidendo così di supportarci donando 2 euro al 45505. Vorrei ricordare che con soli 2 euro è possibile vaccinare 11 bambini contro il morbillo o garantire 6 vaccini contro la poliomielite. Salvare una vita è possibile”.
I volontari Unicef di Civitavecchia e Litorale Roma Nord insieme a molti bambini saranno presenti il 15 maggio a Civitavecchia in Piazza degli eventi per la tappa cittadina di partenza del Giro.