Ladispoli. Sagra del carciofo, vietata la vendita e l’esposizione di animali

782

animali gabbiaLADISPOLI – Alla Sagra del carciofo di Ladispoli vietata l’esposizione e la vendita di animali di tutte le specie su qualsiasi area pubblica in forma itinerante: questo il contenuto dell’ordinanza emessa dal sindaco Crescenzo Paliotta in occasione della manifestazione che si svolgerà nella città balneare dal 13 al 15 aprile.
“L’obiettivo – ha detto Crescenzo Paliotta – è quello di tutelare da una parte la vita e la salute degli animali e dall’altra la salute pubblica che potrebbe essere compromessa dall’importazione, dall’esposizione e dalla vendita di eventuali animali affetti da patologie infettive. Come hanno più volte sottolineato le associazioni animaliste in ambito nazionale sulla base di numerosi e documentati episodi, oggetto anche di segnalazione anche all’Autorità giudiziaria, le sofferenze e le crudeltà a cui sono sottoposti i cuccioli di animali che vengono utilizzati a scopo espositivo e di vendita nella fiere possono essere tantissime. A partire dalle condizioni di trasporto particolarmente disagiate che nuocciono alla delicata salute dei cuccioli, spesso importati dall’estero perché offerti ad un prezzo di mercato più conveniente. Quasi sempre, inoltre, si tratta di animali non vaccinati e, quindi, passibili di contrarre malattie gravi ed anche letali, che si manifestano, di solito, nel giro di pochi giorni dalla conclusione della manifestazione. Infine troppo spesso il cucciolo viene abbandonato dopo pochi giorni poiché all’atto dell’acquisto non si sono bene ponderati gli impegni che l’animale rappresenta per l’acquirente.
“Per non parlare – ha concluso Paliotta – delle condizioni di esposizione e detenzione che sono particolarmente penose e spietate per l’eccessiva promiscuità degli animali in piccoli spazi, come bacinelle, gabbie, scatole e cartoni, esposte ad ogni condizione meteo ed in mezzo a migliaia di visitatori. Gli animali hanno diritto ad un’esistenza compatibile con le proprio caratteristiche biologiche ed etologiche.”
In occasione della Sagra del carciofo il Comune di Ladispoli non ha rilasciato alcun permesso agli ambulanti interessati al commercio ed esposizione di animali. A chi trasgredirà l’ordinanza, oltre alle sanzioni di carattere penale e la confisca delle specie animali illegittimamente detenute ed esposte, sarà applicata una sanzione amministrativa pari ad € 1.000.