Cerveteri. Il Comune vince la causa con Italgas

1265

gino ciogliCERVETERI – “Nel procedimento intentato da Italgas contro il Comune di Cerveteri per l’annullamento della gara per l’affidamento del servizio di distribuzione del gas a decorrere dal 1 gennaio 2013, il Comune ha ottenuto ragione con vittoria di spese. Si tratta di un risultato di grande valore economico e organizzativo per il comune e per i cittadini”. Ne dà notizia l’ex Sindaco Gino Ciogli, che ricostruisce i termini dell’intera vicenda.
“La Società Italiana per il Gas (Italgas) – spiega Ciogli – ottenne dal Comune di Cerveteri, nel 1987, la concessione per la costruzione degli impianti e la gestione del pubblico servizio di distribuzione del gas nell’ambito del territorio comunale fino al 31.12.2012. Con deliberazione della Giunta comunale n. 42 del 12 aprile 2011, l’Amministrazione guidata dall’allora Sindaco Gino Ciogli, ha deciso di avviare il procedimento per l’affidamento di nuova concessione mediante procedura di gara ad evidenza pubblica, previa chiusura del rapporto concessorio in atto.  In conseguenza di tale indirizzo politico, gli uffici preposti, diretti dal dr. Elio Piccolo e dalle dr.sse Antonella Sigillò e dr.ssa Antonella Velotti, hanno curato sin dall’inizio, con coraggio amministrativo e caparbiamente, l’iter dell’intero procedimento. A tale decisione si è opposta l’Italgas, ma il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso ed ha condannato Italgas a rifondere le spese”.
“La nuova concessione – prosegue l’ex Primo cittadino – affidata sempre all’Italgas, è estremamente vantaggiosa per il comune. I benefici economici diretti risultanti dalla gara per l’affidamento del servizio sono: importo una tantum, da versarsi prima della stipula del contratto di concessione: € 2.050.000; canone annuo, per i 12 anni di concessione: 12,1% del vincolo di ricavi della distribuzione che per l’anno 2010 equivale a € 194.000 circa. Il valore complessivo stimato nell’intero periodo è di € 2.400.000 circa; devoluzione gratuita al Comune, a fine del periodo di affidamento, del 15% degli investimenti realizzati dal Gestore durante il periodo di concessione. Ma ci sono anche benefici economici per l’utente, che godrà di uno sconto del 10% sui nuovi allacci. Inoltre, è previsto un miglioramento del servizio e dell’impianto di distribuzione: estensione della rete di distribuzione alla località Valcanneto, per un totale di 12 km, che servirà 1.500 nuovi utenti. Questi lavori saranno eseguiti nei primi 3 anni di concessione; ulteriori allacci a nuovi utenti previsti nel periodo di concessione: 1.400 circa; sostituzione di tutti i contatori con nuovi misuratori teleletti, per un totale complessivo di oltre 11.000 unità; rifacimento di impianti di allacciamento, prevalentemente nel Centro Storico, Marina di Cerveteri e Campo di Mare per motivi di sicurezza e di impatto ambientale di circa 1.000 utenze esistenti; ammodernamento dell’impianto di distribuzione con la sostituzione di tutti gli elementi la cui vita utile scade nel periodo di concessione e introduzione di sistemi di telecontrollo e tele vigilanza”.
“Infine – conclude Ciogli – in tema di risparmio energetico, il Gestore si impegna a realizzare, nella Cabina di decompressione, un impianto fotovoltaico di 3 kWp per la produzione di circa 3.600 kWh; a realizzare un check up sull’efficienza energetica degli stabili di proprietà comunale e a promuovere campagne di informazione sull’uso razionale dell’energia”.