“Cinque anni di Giunta Moscherini: per i dipendenti comunali la peggiore possibile”

350

comuneCIVITAVECCHIA – In riferimento al volantino fatto girare da ignoti sostenitori della Giunta Moscherini nelle cartelle della posta degli uffici comunali (fatto illecito su cui l’Assessore al Personale sta indagando a fondo e tra poco uscirà un comunicato stampa specifico) corre l’obbligo, per onorare l’intelligenza dei dipendenti comunali, di ricordare una serie di fatti e circostanze volutamente omesse dall’estensore del volantino.
Prima di tutto parliamo di ciò che la Giunta Moscherini non ha fatto per il personale comunale: e qui non abbiamo che l’imbarazzo della scelta:
– Formazione professionale: niente.
– Sicurezza negli ambienti di lavoro niente; Fiumaretta caso emblematico ma solo perché per quella sede è stato richiesto l’intervento delle autorità competenti.
– Uffici comunali che non conoscono manutenzioni, tinteggiature e quant’altro per non parlare dei sorci morti di Fiumaretta, della muffa dell’archivio della sede del Pincio, della situazione degli uffici demografici ecc. ecc. ecc.
– Massa vestiario – divise ai vigili ogni morte de papa.
– Valorizzazione delle professionalità interne – zero: abbiamo assistito a cinque anni di articoli 90 e articoli 110 senza arte né parte che hanno invaso gli uffici comunali producendo solo propaganda e contribuendo in maniera sostanziale all’aumento della spesa del personale comunale.
– Contro l’espressione unanime dell’assemblea dei dipendenti, anziché procedere al riordino della macchina comunale, hanno esternalizzato un gran numero di servizi pubblici creando un sistema di imprese grandi e piccole che stanno portando il bilancio del Comune verso la bancarotta senza aumentare minimamente la qualità dei servizi offerti al cittadino (per ultimo hanno esternalizzato anche il Traiano e la Cittadella della Musica e stanno esternalizzando la riscossione di tutte le entrate comunali – acqua – Ici Imu ecc.);
– Rapporto con i sindacati sempre conflittuale.
Ma per non essere troppo noiosi su ciò che non hanno fatto analizziamo brevemente quello che dicono di avere fatto:
– Stabilizzazione precari: dopo anni di lotte di precari e sindacati pochissimi dei tanti che potevano essere stabilizzati sono stati assunti dal Comune mentre in altre pubbliche amministrazioni ben altri sono stati i risultati.
– Concorso vigili urbani: una necessità irrinunciabile per cui hanno impiegato tre anni potendo invece stabilizzare i precari già in servizio come ha fatto il Comune di Roma ed altre amministrazioni.
– Progressioni verticali: hanno inserito le progressioni verticali su pressante e continua pressione della RSU e, a parte quella degli Istruttori amministrativi, per pochissimi posti (anche per questo aspetto ricordiamo ai colleghi il problema del tetto di spesa del personale ultra appesantito dagli articoli 90 e 110 che impediva politiche più ampie di riconoscimento delle professionalità interne) – tra l’altro il ritardo con cui sono stati espletati i concorsi concomitante con le nuove norme sulle assunzioni del Governo Monti comporterà la quasi impossibilità di procedere alle assunzioni relative;
– Nuovi dirigenti tecnici e amministrativi: no comment.
– Salario accessorio: il fondo per il salario accessorio da cui si prendono le risorse economiche per progressioni, produttività e quant’altro viene inserito nel bilancio comunale non per gentile concessione del Sindaco ma per precise disposizioni di legge e di contratto nazionale. L’incremento del fondo inserito nel volantino veniva da amministrazioni precedenti ed è sostanzialmente rimasto invariato nel tempo. Le progressioni orizzontali e la produttività collettiva a cui i dipendenti comunali hanno potuto accedere sono frutto del Contratto Nazionale di Lavoro che destina una parte del salario dei dipendenti per tali istituti e del buon lavoro della RSU che ha saputo ben tutelare i loro diritti. Niente, ma proprio niente, ha fatto la Giunta Moscherini per tali istituti.
– Buoni pasto: l’aumento ad euro 7,80 è stato ottenuto dalla RSU dopo anni di battaglie e richieste in quanto il precedente importo risultava ridicolo rispetto a tutte le altre amministrazioni pubbliche e private.
Tutti i politici negli appuntamenti elettorali si appellano all’intelligenza dei cittadini che “sapranno valutare l’operato di chi ha governato” ma in questo caso la Giunta Moscherini confida, sbagliando, nella possibile scarsa informazione dei dipendenti che, purtroppo per loro, su questi temi sono ben informati e ben rappresentati e sanno che nessuno ci ha regalato niente.

La Rsu Comune di Civitavecchia