Cerveteri, a Santo Stefano esordio del Presepe Vivente

471

CERVETERI – A Cerveteri torna la magia del Presepe Vivente. Nella suggestiva cornice del Parco della Legnara, quattro appuntamenti durante i quali si potranno incontrare tutti i personaggi che caratterizzano la Natività: non solo i pastori, ma anche mercanti, artigiani e venditori che offriranno uno spettacolo a cielo aperto veramente emozionante, che ci farà rivivere la vera magia della nascita di Gesù.
L’esordio, il giorno di Santo Stefano, martedì 26 dicembre alle ore 17.00. L’appuntamento con il presepe si ripeterà il 27 dicembre, e il 5 e 6 gennaio, con l’emozionante arrivo, sfilando tra i vicoli del Centro Storico, dei Re Magi.
“Il Presepe Vivente è una tradizione della nostra Città che ogni anno richiama uno straordinario numero di visitatori – ha dichiarato Federica Battafarano, Assessora alle Politiche Culturali del Comune di Cerveteri – giochi di luce, musiche di sottofondo, guideranno il visitatore in questo lungo percorso, fino ad arrivare alla visita alla Capanna della Natività. Un ringraziamento, davvero di cuore, va ai tantissimi Volontari del Presepe, ai Rioni e alla Parrocchia Santa Maria Maggiore che anche quest’anno, come ogni anno, mantengono viva questa iniziativa simbolo della cultura della nostra città”.
“Il Presepe Vivente fa parte della tradizione di Cerveteri – ha dichiarato Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri – purtroppo i preparativi di quest’anno sono stati funestati da due gravissimi episodi di violenza e vandalismo nei confronti delle strutture del presepe e del grande lavoro che ogni anno, con amore e con passione, portano avanti i tanti volontari. Per ben due volte è stata danneggiata infatti la struttura della capanna della Natività. Un atto incivile, che ha costretto, l’ultima volta proprio nell’ultimo fine settimana, gli organizzatori a ricominciare tutto il lavoro da capo. A loro va tutta la mia solidarietà”.
“Invito – conclude il Sindaco Pascucci – i cittadini a venire a visitare il nostro Presepe e a passare parola tra gli Amici, invitandoli ad ammirare quello che da tanti anni, è un punto fermo del nostro Natale”.