Al Villaggio del fanciullo torna “L’Emmanuele”

CIVITAVECCHIA – Il 26 e 27 dicembre al Villaggio del Fanciullo, dalle ore 18 alle 21 (con intervalli di spettacoli ad ogni ora), torna “L’Emmanuele … e si faceva chiamare Gesù”, il Presepe vivente di Civitavecchia.
La rivisitazione storica comincia dall’innamoramento di Giuseppe e Maria fino alla fuga in Egitto. I testi sono tratti dal Vangelo di San Luca e San Matteo oltre a delle poesie di Papa Francesco, Giovanni Paolo II e Madre Teresa di Calcutta. Sarà sia un modo per vivere lo spirito natalizio e la riflessione che inel Natale si esprime e sia una possibilità per conoscere meglio e vivere un posto meraviglioso di Civitavecchia ossia Il Villaggio del Fanciullo.
La  manifestazione, che si avvale del finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio, a cui va il ringraziamento di tutta l’organizzazione, è patrocinata dalla Diocesi Civitavecchia – Tarquinia, dal Comune di Civitavecchia, dalla Caritas Diocesana e dalla Pastorale Giovanile. Tante le associazioni che hanno reso possibile tutto ciò tra cui: Blue In The Face, La Botticella, Il Ponte, Imago Urbis, Il Melograno, Scuola di Canto di Lorena Scaccia, Compagnia Il Sorriso, Ambra Actor Studios, Teatro Nuovo Sala Gassman, Blue In The Face Kids Accademy, Parrocchia Ss. Martiri Giapponesi, Parrocchia San Liborio, Protezione Civile.
Luci ed Impianti sono di Giampiero Firicano, scenografie di Giuseppe Scoglio, Giuseppe Zannella e Diego Fortunato, costumi e aiuto regia di Simone Luciani, Ufficio Stampa Martinelli&Schiavo, Coordinamento di Jessica Brancaccio e Claudia Crostella, Organizzazione Artistica di Lara Paolillo e Patrizio De Paolis, Direzione Musicale di Angelo Lucignani, Direzione Artistica di Enrico Maria Falconi. L’entrata è libera con offerta volontaria.