Una giornata in onore di Grazia Deledda

CIVITAVECCHIA – Una iniziativa dedicata al ricordo di Grazia Deledda in occasione dei 150 anni dalla nascita, quella organizzata dalla Sezione FIDAPA BPW Italy di Civitavecchia, in collaborazione con l’Associazione Sarda Domus e il sostegno del Banco di Sardegna – Filiale di Civitavecchia.

Domenica 27 marzo presso la Sala di Villa Rosy il numeroso pubblico costituito dalle Socie della Fidapa cittadina e i Soci dell’Associazione presieduta dal Dr. Ettore Serra ha potuto vivere una giornata equamente divisa tra arte e gastronomia. Il programma, si è aperto con i saluti istituzionali del Sindaco Ernesto Tedesco, della Presidente della Fondazione Ca.Ri.Civ. Gabriella Sarracco e della Presidente della Sez. FIDAPA di Civitavecchia Maria Cristina Ciaffi ai quali si è aggiunto il gradito videomessaggio del Sindaco di Galtellì Giovanni Santo Porcu che si è complimentato per aver dedicato un simile omaggio ad una Donna coraggiosa e che ha precorso i tempi, ma che non ha mai avuto il giusto riconoscimento. A seguire una tavola rotonda tenuta dalla Prof.ssa Giovanna Caratelli e dalla Dott.ssa Sara Fresi che hanno raccontato diversi e interessanti aspetti della scrittrice isolana.

Tante emozioni poi con il gruppo giunto la mattina stessa da Nuoro, Populos Tenore Nugoresu che hanno dato l’opportunità di far conoscere il canto a tenore, un grande patrimonio etnomusicale della cultura sarda.

Il pranzo è stato poi una degustazione di prodotti e pietanze tradizionali sarde cucinate dalla Lady Chef Patrizia Manunza del ristorante Dolce & Salato, con accompagnamento di vini sardi in abbinamento.

“Sono soddisfatta di aver organizzato una iniziativa culturale molto apprezzata dai presenti e di aver coinvolto tante realtà cittadine che ringrazio di cuore – sostiene la Presidente Maria Cristina Ciaffi – la figura di Grazia Deledda mi ha sempre profondamente colpito per la sua incrollabile determinazione e soprattutto per i rapporti di sorellanza che ha saputo costruire con le altre donne, senza antagonismi. Un vero modello a cui ispirarsi.”