UGL Mare Porti: “ADSP, inaccettabile la disdetta unilaterale di alcuni articoli del contratto di secondo livello”

rhdr

CIVITAVECCHIA – Riceviamo e pubblichiamo:

“Nel momento di massimo interesse per i Porti di Roma e del Lazio, che sono stati chiamati a gestire gli oltre 220 milioni di euro del PNRR per la realizzazione di opere strategiche di interesse nazionale ed europeo, il Presidente dell’AdSP del Mar Tirreno centro settentrionale (AdSP) Pino Musolino e il Segretario generale Paolo Risso stanno tentando di vanificare, oltre che scoraggiare e mortificare, il lavoro di coloro i quali sono e saranno chiamati a contribuire allo “storico rilancio” del Sistema portuale laziale. Parlo dei dipendenti dell’ex Autorità Portuale, ora AdSP, che oltre a essere stati protagonisti, negli ultimi decenni, della crescita portuale della regione sono stati oggetto di apprezzamento per competenza e professionalità proprio da chi oggi tende a disconoscere in maniera singolare e unilaterale accordi sindacali del passato resi peggiorativi nel presente. Al fine di poter meglio comprendere le attuali rivendicazioni del personale non dirigente dell’AdSP giova ricordare che agli stessi è stato disdettato nel corso del 2022, in maniera unilaterale, il contratto di secondo livello, che dopo una lunga trattativa il 15 dicembre 2022 fu siglato con scadenza 31 dicembre 2024 (approvato con Delibera del Comitato di gestione nella seduta del 30 dicembre 2022, con il parere favorevole del Collegio dei revisori dei conti). Il nuovo accordo, elaborato tenuto conto delle Linee Guida indicate dal Segretario generale, ha comportato un risparmio per il bilancio dell’Ente di circa € 750.000, con tagli importanti, sia da un punto di vista retributivo che contributivo, a carico del personale non dirigente. A febbraio 2023, su proposta del Presidente, del Segretario generale e del neo insediato Presidente del Collegio dei revisori, il Comitato di gestione ha approvato una delibera che prevederebbe “il conguaglio” su una voce dell’accordo denominata “elemento retributivo consolidato”, quindi con potenziali recuperi in busta paga. Sul punto si era espresso, invece, in maniera favorevole al personale non dirigente il Ministero delle infrastrutture che, in una nota della Direzione competente ha precisato che tale elemento è da intendersi quale Elemento retributivo ex A.P., nel quale sono confluiti istituti frutto di precedenti contrattazioni, che, nel venire definitivamente cristallizzati, al fine di garantire il mantenimento del livello retributivo in essere, sono comunque da considerarsi destinati al graduale esaurimento del personale in forza all’AdSP alla data di sottoscrizione del Protocollo d’Intesa in Assoporti. A decorrere dal mese di marzo 2023 è iniziata, pertanto, una vertenza su tale istituto “consolidato” del personale dell’AdSP tesa a difendere il diritto acquisito dai lavoratori in quanto risalente ad accordi sindacali sottoscritti nel 2005, 2008 e 2010, approvati da tutti gli Organi deliberativi e di controllo. Risulta quindi inaccettabile la decisione dei vertici di convocare un Comitato di gestione urgente sull’argomento il 9 febbraio 2024, durante il quale “sembrerebbe”, secondo le voci che circolano all’interno dell’Ente, che sia stata votata la disdetta unilaterale di alcuni articoli del contratto di secondo livello. L’Ugl Mare Porti ha dichiarato in più sedi la validità e la vigenza dell’accordo sottoscritto a dicembre 2022 con scadenza dicembre 2024, rivendicando il massimo impegno dimostrato da tutto il comparto che, nonostante il preannunciato “taglio della testa”, ha continuato ad adempiere ai sempre più crescenti carichi di lavoro e responsabilità assegnati a seguito della riorganizzazione interna degli ultimi anni. L’Ugl Mare Porti manifesta inoltre perplessità circa il diverso approccio usato dai vertici e dal Collegio dei revisori dei conti che hanno invece approvato un aumento delle retribuzioni del personale dirigente e di aver avallato l’assunzione a tempo determinato di nuovi funzionari con mansioni di responsabilità in settori dove sono già presenti professionalità altamente qualificate, con un aumento dei costi del personale in barba ai contenimenti previsti dallo stato di crisi mai dichiarato concluso. Un esempio fra tutti riguarda la recente assunzione di un avvocato attraverso un bando e altre assunzioni che sono state previste nel PIAO 2023-2025, approvato con Decreto Presidenziale n. 94 del 24 marzo 2023. In conclusione l’Ugl Mare Porti segnala che al Comitato di gestione compete, in base alla legge 84/94, unicamente il recepimento degli accordi di secondo livello e non l’adozione di provvedimenti unilaterali di modifica e/o sospensione dell’efficacia degli accordi vigenti. L’auspicio è che venga al più presto chiusa la vertenza, nel rispetto delle corrette relazioni industriali, vertenza che ha una valenza nazionale per le conseguenze che potrebbe comportare anche in altre AdSP”

UGL Mare Porti