In ricordo di Uliano Marozza: “Un uomo che ha fatto la storia di Ladispoli”

0
170

LADISPOLI – L’Associazione Culturale Progetti aveva organizzato una serie di incontri, tutti successivamente rinviati per l’emergenza sanitaria in atto in Italia, per parlare degli argomenti citati e delle persone descritte nel primo e nel secondo Volume del libro “Ladispoli – Un lungo viaggio nel tempo”, presentati al pubblico rispettivamente il 14 dicembre 2017 e il 15 dicembre 2019, sottoponendoli così all’attenzione dei lettori.

“Molti di essi – spiega il Presidente dell’Associazione Culturale Progetti, Nardino D’Alessio – sia direttamente che attraverso comunicati, oltre a porgerci attestati di stima e di congratulazione per il lavoro svolto a favore della città, hanno inoltre proposto alcune intitolazioni con l’obiettivo di ricordare uomini e donne che si sono distinti, con significative azioni sociali, alla crescita di Ladispoli. Una di queste ci è pervenuta da Fulvio Crescimbeni, ex dipendente comunale, e riguarda l’intitolazione di un luogo della città a Uliano Marozza, nato ad Anzio l’8 agosto 1920 e deceduto a Ladispoli il 13 luglio 2002, perché si rese protagonista dello sminamento compiuto sul litorale, difficile e pericoloso lavoro svolto con lo scopo di bonificare il territorio facendolo ritornare alle normali attività di lavoro, dopo il disastro causato dagli eventi della Seconda Guerra Mondiale. Terminato il conflitto Uliano Marozza fu un valido imprenditore nel campo della idraulica e a livello pubblico ricoprì l’incarico di Presidente della Pro Loco cittadina dal 1974 al 1975. Un uomo che ha fatto storia, rendendo, insieme a molte altre persone di buona volontà, Ladispoli da agglomerato urbano a città. Per ricordare Uliano Marozza, insieme al proponente, oltre alla seguente comunicazione, procederemo a produrre la richiesta ufficiale al Sindaco del Comune di Ladispoli, specificando anche il luogo, per l’esame da parte dell’Amministrazione comunale e della Commissione Toponomastica. I libri sopramenzionati sono fonte e mezzo di consultazione, di studio e con questo cogliamo l’occasione per esprimere il nostro ringraziamento a tutti coloro che attraverso la lettura dei due volumi hanno approfondito la storia di Ladispoli e nello stesso tempo hanno ritenuto opportuno ricordare persone e luoghi che hanno determinato lo sviluppo del nostro territorio e della crescita demografica della città”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY