Gli “Amici del Fondo Ranalli” ricordano il Senatore a un anno dalla sua scomparsa

0
137

CIVITAVECCHIA – Il 4 dicembre dello scorso anno ci lasciava Giovanni Ranalli, una vita vissuta tra il sindacato, la Camera del Lavoro, la politica, il Partito Comunista nelle sue evoluzioni, e le istituzioni della Repubblica. Un impegno davvero totale, dispiegato dal dopoguerra sino ai primi anni di questo secolo, oltre sessant’anni dei quali vogliamo ricordare un aspetto meno noto della personalità del nostro concittadino.

Il Senatore, sempre poco incline a parlare di se, si sentiva strettamente legato alle radici della sua crescita personale: la Scuola elementare Cesare Laurenti, che aveva frequentato insieme a Giovanni Massarelli, entrambi classe 1924 e entrambi protagonisti di storie parallele ma convergenti sotto molti punti: la pace, la libertà dal fascismo, la giustizia sociale, la dignità del lavoro, la distribuzione della terra ai contadini, la “scuola del sapere”. E non stupisce, per quanto non sia sufficientemente ricordato oggi, che alla sua scuola di via XVI Settembre Giovanni Ranalli abbia donato un grande patrimonio fatto di oggetti d’interesse artistico e storico, di una biblioteca con migliaia di libri con volumi di pregio in grande formato, come quelli di Leonardo da Vinci, di opere d’arte di concittadini tra i quali Galice e Massaccesi, ma anche di un grande della cultura italiana, Carlo Levi, che pure a Civitavecchia era stato eletto senatore nei primi anni sessanta e dal quale aveva ricevuto in dono “Volto di contadina”, un quadro realizzato durante il confino.

Gli Amici del Fondo Ranalli, che oggi gestiscono questo lascito unico, in convenzione con l’Istituto comprensivo Civitavecchia 1, intendono testimoniare le passioni di Giovanni Ranalli attivandosi, per quanto nelle possibilità, nel promuovere la lettura, lo sviluppo delle capacità critiche dei giovani per una memoria storica, base imprescindibile per assicurare un futuro dove “lo sguardo – come sottolineava Ranalli – fissa orizzonti nuovi, la mente cerca risposte migliori”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY