Servizi Sociali. Contributi per l’eliminazione delle barriere architettoniche in immobili privati

Barriera architettonicaCIVITAVECCHIA – Parte una nuova campagna per eliminare le barriere architettoniche. In base a quanto disposto dalla legge 13 del 9 gennaio 1989, sono a disposizione contributi a fondo perduto per la realizzazione di opere finalizzate al superamento ed alla eliminazione delle barriere architettoniche in immobili privati già esistenti, ove risiedano portatori di menomazioni o limitazioni funzionali permanenti.
L’istanza, in bollo, da presentare al Comune, contenente la descrizione anche sommaria delle opere, nonché la spesa prevista, deve essere corredata da adeguata documentazione. In particolare allegare certificato medico, in carta libera, attestante l’handicap; dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà dalla quale risultino l’ubicazione dell’immobile ove risiede il richiedente e su cui si vuole intervenire, nonché le difficoltà di accesso; preventivo di spesa relativo ai lavori che si intendono realizzare; eventuale certificazione della Asl, attestante il riconoscimento della invalidità.
I moduli per la presentazione delle domande sono a disposizione presso l’Ufficio Servizi Sociali, sito in via Cesare Battisti 14, e potranno essere ritirati nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 9 alle ore 12. Il termine ultimo per la presentazione della domanda è fissato al 1 marzo e per ogni ulteriore informazione il personale amministrativo dell’Ufficio Servizi Sociali è a disposizione, oltre che nei giorni ed orari sopra indicati, al numero telefonico 0766/590602.
“Mi auguro che ci sia un massiccio ricorso a questa possibilità – spiega la delegata ai Servizi Sociali, Chiara Guidoni – poiché rappresenta un’opportunità per restituire una fetta di vivibilità alle tante persone alle prese con handicap di natura fisica”.