Scuole ancora chiuse nella giornata di domani, riaprono gli uffici

771

CIVITAVECCHIA – Scuole ancora chiuse e uffici nuovamente aperti nella giornata di domani, mercoledì 28 febbraio. Queste le principali decisioni prese questo pomeriggio nel corso della seconda riunione odierna del COI (centro operativo intercomunale) tenutasi alle ore 16:00 presso la Protezione civile.
Questo, nel dettaglio, quanto stabilito dopo l’esame della situazione:

– Gli uffici comunali domani apriranno regolarmente.
– Il mercato del mercoledì di via Nenni si terrà regolarmente.
– Il mercato storico sarà regolarmente e completamente aperto in tutti i suoi settori.
– E’ fatto divieto di conferimento dei rifiuti indifferenziati sino alle ore 18 di domani.
Sospensione delle attività didattiche, in tutte le scuole di ogni ordine e grado, anche per la giornata di domani mentre saranno aperte le sedi centrali per permettere le attività amministrative.
– I cimiteri saranno chiusi al pubblico e svolgeranno solo le funzioni essenziali.
– Il TPL svolgerà regolarmente il servizio, così come accaduto oggi.
– Continuano sia nel pomeriggio di oggi che nella prima mattinata di domani i lavori di pulizia delle strade con i mezzi, dei marciapiedi con gli operai di CSP e di spargimento del sale grazie ai mezzi messi a disposizione da generosi cittadini.

“Queste decisioni sono state prese in comune accordo con i vari responsabili dei settori interessati e delle funzioni di supporto – spiega il Sindaco Antonio Cozzolino – per le scuole abbiamo deciso la sospensione dell’attività didattica soprattutto a causa dei rischi derivanti dal ghiaccio. Pur avendo operato fin dalla mattinata di ieri con uomini e mezzi per liberare le strade e pulire i percorsi pedonali, le temperature nettamente sotto lo zero previste nella notte non ci consentono di essere ragionevolmente sicuri circa la mancanza di ghiaccio sui camminamenti pedonali nei pressi delle circa 25 scuole cittadine per la prima mattinata di domani. Tutelare la sicurezza è uno dei miei primi compiti e per questo, sentite tutte le parti in causa, ho optato per questa decisione. Anche i riscaldamenti nei plessi scolastici sono stati attenzionati e grazie al lavoro degli uffici è stata mantenuta la temperatura minima per evitare il ghiacciare delle tubature”.