Mercato. Il 29 settembre il trasferimento delle attività

mercatoCIVITAVECCHIA – A partire da mercoledì 29 settembre le operazioni di vendita del Mercato saranno ospitate dalle nuove strutture provvisorie allestite sulla Copertura della Trincea Ferroviaria. Le ultime azioni propedeutiche al trasferimento, e quindi all’inizio vero e proprio del cantiere per la riqualificazione dell’area, sono state infatti eseguite nei giorni scorsi, attraverso una serie di incontri tra gli operatori e l’Amministrazione Comunale.
Il Sindaco Gianni Moscherini, l’Assessore all’Urbanistica Mauro Nunzi e il delegato al Mercato Fabrizio Reginella hanno dapprima illustrato, in un’assemblea all’aula “Pucci”, i dettagli della delocalizzazione, ivi compresa la tempistica e le modalità di trasloco, che riguarda i rivenditori ospitati dai Box di San Lorenzo e dal Mercato Ittico. Sempre nell’incontro di lunedì pomeriggio è stata inoltre mostrata la piantina completa del nuovo insediamento di vendita e si è provveduto alla firma degli accordi tra ogni singolo operatore e il Comune. Martedì pomeriggio, poi, all’aula “Calamatta”, gli amministratori hanno consegnato le chiavi dei nuovi box ai mercatali (nella foto), che avranno tempo fino al 28 settembre per il trasferimento.
I lavori veri e propri inizieranno quindi dallo storico edificio del Mercato Ittico e dai Box di San Lorenzo i primi giorni di ottobre, mentre da mercoledì 29 sarà funzionante l’area di vendita tra Copertura della Trincea Ferroviaria e largo XXIV Maggio. Nel frattempo, sono allo studio le possibili soluzioni per il trasferimento delle superfetazioni del Mercato Ittico e dei venditori ortofrutticoli che operano su piazza Regina Margherita e via Doria, oltre che dei produttori agricoli che rivendono direttamente al pubblico.
“L’avvio della riqualificazione del Mercato ha ora date certe – ha commentato il Sindaco Gianni Moscherini – e ciò avviene, finalmente, nel consenso generale degli operatori, che hanno compreso l’importanza di rendere confortevole per loro e per i clienti l’area di vendita e di restituire un centro storico migliore alla città e ai suoi visitatori”.
“Si tratta di un’operazione molto complessa – ha aggiunto l’Assessore Nunzi . perché impegna il mio ed altri Assessorati, ma anche Etruria Servizi e gli stessi operatori, che dovranno collaborare per far sì che fin dalla delocalizzazione si noti un miglioramento delle condizioni di vendita. Stiamo ancora cercando la soluzione più idonea per alcuni dettagli marginali che ci sono stati presentati dagli operatori, ma l’importante è essere venuti a capo di una situazione che era quanto mai complicata ed averla messa sul binario giusto per portare un’importante opera di riqualificazione a compimento”.
Estrema soddisfazione è stata infine espressa dal Consigliere Comunale Fabrizio Reginella. “Credo che si vedano i risultati dell’Amministrazione del Fare, soprattutto quando in tre anni si riesce ad avviare i lavori di un’opera che era bloccata almeno dal doppio”.