“L’Angolo di Neanderthal”. In mezzo ai rifiuti di Sant’Agostino

373

CIVITAVECCHIA – Spesso ci lamentiamo della sporcizia delle nostre spiagge, assediate dai rifiuti che vengono dal mare, abbandonati da persone ignare distanti chissà quanti chilometri.

Ecco: a Sant’Agostino questa prospettiva è invertita. Sono gli stessi bagnanti locali, infatti, a lasciare tonnellate di rifiuti sulla sabbia, trascorrendo la domenica nella propria spazzatura, fra bottiglie di plastica, cartacce e quant’altro. Il risultato è una discarica a cielo aperto, che si estende fra ombrellone e ombrellone e con la quale, però, molti dimostrano evidentemente di trovarsi proprio agio. Altrimenti non ci vorrebbe poi troppo a recarsi fino ai raccoglitori appositi, no?

 

Patrizio Ruviglioni