Karaoke notturno a tutto decibel, ma nessuno interviene

207

CIVITAVECCHIA – Un sabato notte da incubo per alcuni residenti del Lungomare Thaon de Revel, “allietati”, per usare un eufemismo, da un karaoke a tutto decibel proveniente da uno dei vari locali che si affacciano sulla movida. A dir poco assordante, come riferiscono gli stessi residenti, il volume della musica, “tanto da far tremare finestre chiuse e pareti”. Ma tutti i tentativi di far intervenire le Forze dell’ordine a quanto pare si sono rivelati inutili. Almeno quattro le chiamate giunte complessivamente tra le 00.00 e le 2 a Polizia e Carabinieri, con la richiesta di intervento prima per far diminuire il volume della musica, poi per farla cessare essendo ormai superato l’orario dell’una consentito dall’ordinanza sindacale che regola gli intrattenimenti serali e notturni. Nessuna pattuglia o volante si è infatti recata sul posto, sempre come testimoniano i residenti esasperati da un’evidente movida fuorilegge. E in barba, probabilmente, anche alle norme sugli assembramenti anti-Covid. Nel frattempo il problema sul Lungomare rimane lo stesso e irrisolto: il diritto al riposo dei residenti violato da quei gestori di locali che pensano di poter impunemente infrangere le regole.