Controlli antidroga tra Ladispoli e Cerveteri: 3 arresti, 1 denuncia e 2 segnalati

323

CIVITAVECCHIA – Ancora una stretta allo spaccio di droga da parte dei Carabinieri ella Compagnia di Civitavecchia nel corso dell’ultimo weekend. I militari, al termine delle operazioni di controllo del territorio, hanno arrestato tre persone e ne hanno denunciate altre due, tutte per reati connessi agli stupefacenti.

Nello specifico, i Carabinieri della Stazione di Ladispoli, insospettiti dal continuo via vai di giovani ragazzi, alcuni noti per essere assuntori di stupefacenti, nei pressi di un locale, hanno intrapreso servizio di osservazione e pedinamento, traendo in arresto nella flagranza del reato di spaccio M.F., 41enne del luogo, che poco prima aveva ceduto una dose di 1 grammo di cocaina. Nel corso della perquisizione personale e domiciliare sono stati rinvenuti, abilmente occultati, ulteriori 2 grammi della medesima sostanza stupefacente.
Nel corso del medesimo servizio è stato deferito in stato di libertà un altro uomo, trovato in possesso di 2 grammi di cocaina già confezionati in piccoli dosi e la somma contante di 265 euro, verosimile provento dell’attività illecita di spaccio. Nella circostanza è stato segnalato alla Prefettura di Roma un giovane poiché trovato in possesso di 2 grammi di hashish per uso personale.

I Carabinieri della Stazione di Cerveteri, invece, unitamente a quelli di Ladispoli, nella serata di sabato hanno arrestato 2 persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nello specifico i militari hanno proceduto alla perquisizione del domicilio di due romeni presso il quale era stato notato un insolito giro di giovani. All’esito dell’attività i due individui sono stati trovati in possesso di 100 grammi di hashish e di 25 grammi di cocaina, in parte già suddivisa in dosi, e del materiale per il confezionamento delle dosi.
Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro mentre P.V., 32enne con precedenti, e B.R.M. 31enne, entrambi romeni e domiciliati a Cerveteri, sono stati arrestati e sottoposti alla misura degli arresti domiciliari per rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.