14 salme in attesa di sepoltura al Cimitero: “Manca il personale”

278

CIVITAVECCHIA – Sono 14 le salme in attesa di sepoltura al cimitero monumentale di via Aurelia a Civitavecchia, una delle quali in attesa di tumulazione da Novembre.

Situazione, quella del cimitero vecchio, che seguiamo da mesi e che sembra non migliorare. Il responsabile della struttura Fernando Ferluga ci conferma che la lunga attesa “è dovuta a mancanza di personale”. “Attualmente – spiega – tre dipendenti si occupano di tumulazioni e stumulazioni, erano stati inviati altri due dipendenti ma dopo il primo giorno non si sono più presentati, sembra per motivi personali“.

I servizi cimiteriali gestiti dalla società CSP sono tra quelli che maggiormente soffrono la crisi aziendale. La mancanza di personale con impossibilità di garantire il servizio ai cittadini va avanti da quest’estate quando, nei nostri articoli, avevamo evidenziato l’impossibilità per il personale presente, che fa del suo meglio e oltre, di svolgere la propria attività soprattutto in determinati ambienti come le cripte, dove è necessaria la presenza di almeno 5 o 6 dipendenti.

Siamo a Dicembre e la situazione non sembra migliorare, come abbiamo riscontrato personalmente nella giornata di oggi. La mancanza di loculi crea dei rallentamenti ma il vero nodo è il personale. CSP è una società con (numero più numero meno) circa 71 impiegati, 2 intermedi, 1 dirigente e 280 operai (numeri aggiornati nel piano di ristrutturazione esclusi gli interinali) eppure non si riesce a garantire un servizio fondamentale in un momento di sofferenza per le famiglie come quello delle sepolture e il motivo è la mancanza di personale che si protrae ormai da diversi mesi. Una situazione veramente sconcertante.

Si parla di piani di ristrutturazione e industriale da inizio anno eppure ad oggi la situazione al cimitero è quella ritratta in foto. Tra liti nella maggioranza, cambi di casacca, accuse reciproche e rassicurazioni poco realistiche vogliamo ricordare al Sindaco Ernesto Tedesco, al presidente di CSP Antonio Carbone, al responsabile del personale di CSP Paolo Iarlori e a tutta la maggioranza che ci sono 14 famiglie in attesa di una dignitosa sepoltura per i loro cari defunti.