Tarquinia. Celli e Leoni: “La scuola è una priorità, ma non per questa Amministrazione”

TARQUINIA – Dai consiglieri comunali di minoranza, Sandro Celli ed Enrico Leoni,  riceviamo e pubblichiamo:

Tra pochi giorni, oltre alle mille incertezze dovute al Covid, per i nostri bambini la scuola inizierà anche all’insegna del disagio dovuto alla carenza di aule idonee, creatosi dopo la chiusura di parte del padiglione Nardi della scuola elementare e che la superficialità e l’inadeguatezza di questa amministrazione non ha ancora permesso di risolvere.
Problema che si è chiaramente acuito fino a diventare insostenibile con l’evoluzione della pandemia e l’introduzione delle norme previste per evitare il contagio da Covid-19.
Lo avevamo chiesto in consiglio comunale di prevedere per tempo un finanziamento ad hoc per restituire quelle aule chiuse alla scuola, ma l’assessore Benedetti ci aveva risposto che non c’erano soldi per gli interventi necessari e che le nostre previsioni di 4/500 mila euro erano fuori dal mondo perché sarebbero stati necessari almeno 2 milioni di euro.
Ora sembra che, con i circa 200 mila euro di un contributo ministeriale, si possano recuperare tre aule al piano superiore del padiglione Nardi, oggetto dei lavori in questione.
Allora se, come diceva il grande Totò, “è la somma che fa il totale”, la risposta dell’assessore in Consiglio era l’ennesima bufala sparata per giustificare la scelta scellerata di eliminare ogni investimento sulle scuole, o come dice qualche assessore, di “non buttare più soldi in quella scuola”, in nome di un mega polo scolastico che sta solo nei racconti di questa amministrazione che, per ora, è stata solo capace di non essere ammessa al finanziamento richiesto.
Così adesso, a 3 giorni dall’inizio dell’anno scolastico, per poter iniziare i lavori da terminare entro il 31 ottobre se non si vuole perdere anche questo finanziamento, si stanno prospettando soluzioni assurde che prevedono lo spostamento continuo di alunni, docenti, genitori, ragazzi con problematiche di disabilità, scuolabus.
Ora però l’unico obiettivo è scongiurare l’ennesima figuraccia, e quindi, a meno che non si vogliano lasciare i ragazzi nelle aule mentre si eseguono i lavori nello stesso plesso, e non mi stupirei, le geniali alternative “imposte” sono di mandarli a fare lezione dentro container posizionati in un parcheggio pubblico, o magari in spazi mai utilizzati forse perché non rispondenti alle norme di sicurezza.
Invece di mostrare la solita arroganza fuori luogo con chi magari ne evidenzia disagi e rischi, si spieghi ai genitori il perché si è rinunciato a finanziamenti pubblici e ora nella migliore delle ipotesi si è costretti a mandare i loro figli a fare lezione in un parcheggio dentro dei container.
La scuola, come la sicurezza dei nostri ragazzi che la frequentano quotidianamente, sono una priorità assoluta e quindi questi lavori, soprattutto in un momento come questo, si potevano e si dovevano comunque programmare e realizzare per tempo, anche con soldi comunali e indipendentemente dai finanziamenti esterni.
Centinaia di migliaia di euro spesi per strapagate feste e festicciole gestite da amici degli amici, trenini turistici usati come navette, variazioni di bilancio di oltre 5 milioni di euro con alcuni milioni destinati ad investimenti liberi e ancora si dice che non ci sono soldi.
Basta caro assessore con questa scusa ridicola, i soldi sono forse l’unica cosa che non manca, ne ha quanti forse nessun altro ne abbia mai avuti, quello che veramente manca è la capacità di saper individuare le reali priorità per la nostra comunità come la scuola, la capacità di saper programmare e realizzare o addirittura di saper gestire almeno la pulizia e la manutenzione della città”.

I consiglieri comunali Sandro Celli ed Enrico Leoni