S. Marinella. Tidei a Ricci: “Il Presidente del Consiglio lo scelgono i consiglieri”

379

SANTA MARINELLA – Saluto con piacere la ricomparsa sulla scena politica cittadina di Bruno Ricci ma non posso essere d’accordo con la sua perentoria richiesta. Le regole sono regole ed il messaggio che rivolge a me, fare in modo che il presidente del Consiglio Comunale sia scelto soltanto dalla minoranza, ha puntato l’interlocutore sbagliato. Io e lui, ognuno con le proprie peggiorative, possiamo suggerire ma chi sceglie il proprio Presidente è l’assemblea dei consiglieri comunali, nessun’altro, e nessuno può imporre nominativi.

Sarà frutto della sua manifesta inesperienza politica ma accordare la preferenza ad un consigliere piuttosto che ad un altro non significa allargare la maggioranza a disposizione di quest’amministrazione. La Città ha scelto ed ha votato, i Consiglieri, tutti, devono mettersi al servizio della Città senza condizionamento che non sia il programma sulla base del quale i cittadini li hanno scelti. Ho manifestato la proposta che il Presidente del Consiglio Comunale sia individuato tra i consiglieri di minoranza ed ho lasciato a tutti i consiglieri la massima libertà di scelta, senza condizionamento alcuno.

Ricci avrà tempo per sciorinare tutto il suo repertorio di dietrologie. Oggi abbiamo un’emergenza nata dalla incuria dell’amministrazione che ci ha preceduto per dieci anni e che proprio Ricci tentava di riportare in scena. Questi sono i fatti, non dietrologia. Prego il consigliere Ricci di attenersi ai fatti, sempre, e non tentare di condizionare l’attività di un Consiglio comunale che nei prossimi mesi sarà indaffaratissimo e tentare di creare scompiglio in una maggioranza giovane, volenterosa e propositiva come mai Santa Marinella ha avuto la fortuna di trovare. Ricci potrà sottoporre all’assemblea la candidatura che ritiene più utile e questa sarà ottoposta, come le altre, alla scelta dei consiglieri.

 

Pietro TideiSindaco di Santa Marinella