S. Marinella. Più sicurezza sull’Aurelia

153

SANTA MARINELLA – Raggiunto un primo importante accordo tra il Comune di Santa Marinella e l’ANAS per aumentare i livelli di sicurezza stradale lungo la Statale Aurelia nei pressi delle spiagge libere in località “la Toscana”.

Dopo ripetuti appelli e numerosi incontri tra il presidente della Santa Marinella Servizi l’avvocato Pietro Andolfi e i responsabili ANAS è stata apposta una nuova segnaletica stradale con la quale proprio in prossimità delle spiagge libere e del parcheggio autorizzato, si obbliga a diminuire la velocità delle auto che stanno percorrendo la statale Aurelia.

“Ritengo sia questo solo un primo seppur importante risultato raggiunto al termine di una lunghissima trattativa con l’ANAS che più volte nel tempo ha disatteso le nostre richieste che erano volte ad ottenere il nulla osta per realizzare degli attraversamenti pedonali che riteniamo siano la migliore soluzione auspicabile per rendere più sicuro per auto e pedoni questo tratto di consolare – dichiara Pietro Andolfi – Ho fatto, ripetutamente, presente ai miei interlocutori che, soprattutto durante la stagione estiva, circa mille auto al giorno parcheggiano lungo la via Aurelia, in ambo i lati e all’interno dell’area di sosta. Questo fa sì che, come ovvia conseguenza, almeno duemila persone al giorno, sono costrette ad attraversare la strada per recarsi sul lato mare e raggiungere un tratto di litorale con arenili liberi che è uno dei più frequentati e affollati del comprensorio comunale”.

“Pur rallegrandomi per questa prima decisione assunta dall’ANAS, – conclude il presidente Andolfi – auspico che, nel minor tempo possibile, si possa arrivare alla definizione della nuova segnaletica stradale da apporre in questo tratto di strada statale che necessita della presenza, di uno o due attraversamenti pedonali, debitamente segnalati anche con dispositivi luminosi, che obblighino tutti i veicoli in transito, non solo a rallentare, ma a fermarsi per consentire il passaggio in tutta sicurezza dei pedoni”.