S. Marinella. La Giunta approva i criteri per il bonus facciate

SANTA MARINELLA – La giunta Municipale di Santa Marinella ha approvato, ieri, una importante delibera che detta i criteri per consentire, a tutti i cittadini interessati, di poter usufruire del bonus facciate per eseguire interventi sugli edifici ricadenti nel comprensorio comunale. Lo comunicano il Sindaco Avv. Pietro Tidei e l’Assessora all’urbanistica Avv. Roberta Gaetani.

“Premesso che la legge di Bilancio per il 2020 ha previsto una detrazione dall’imposta per le spese relative ad interventi sulle facciate degli edifici il cosiddetto Bonus facciate – afferma Tidei – va precisato che, tale legge, richiede che l’immobile per cui si vuole di questa agevolazione ricada all’interno delle zone A e B come classificate dal decreto ministeriale o in zone a queste assimilabili in base alla normativa regionale e ai regolamenti edilizi. Per meglio comprendere l’importanza di questo atto va spiegato che, fino ad ora, a Santa Marinella le zone territoriali non erano dotate di una classificazione omogenea, ma ogni zona era indicata con denominazione differente e questo non permetteva di poter usufruire a pieno del cosiddetto bonus facciate. Questa delibera di giunta riclassifica le zone A e B in Zona A, e la zona C in zona B così da essere tutte le aree rispondenti alla definizione richiesta dalla legge di Bilancio consentendo ai proprietari di immobili interessati ad eseguire questo tipo di interventi di poter usufruire della detrazione fiscale prevista dal Governo”.

“Con il Sindaco e con i competenti Uffici dell’Urbanistica – entra meglio nel dettaglio l’assessora Gaetani – abbiamo verificato che il Comune di Santa Marinella non era dotato della classificazione delle zone omogenee di cui al citato decreto ministeriale, indicando per le differenti zone una denominazione diversa”.

“L’amministrazione comunale si aspetta ora – conclude Tidei – anche grazie alla immediata attuazione di questa delibera che i cittadini usufruiscano di tale importante detrazione fiscale, presentando l’apposita istanza agli Uffici per ricevere la relativa attestazione, andando a migliorare il decoro edilizio ed urbano delle facciate degli edifici esistenti sul nostro territorio. Oltre agli interventi descritti del BONUS fiscale l’Amministrazione comunale cercherà altre soluzioni alternative al fine di migliorare l’aspetto di tutte le altre zone dove non si potrà applicare la normativa anzidetta”.