S. Marinella. Il Covid non ferma la pedalata di solidarietà

163

SANTA MARINELLA – Sabato 22 agosto si è snodata lungo la via Aurelia a Santa Marinella la tradizionale pedalata di solidarietà organizzata dalla associazione “Gli Amici di Flavia”.

L’evento ha richiamato i valori di solidarietà e condivisione delle attività dell’associazione che organizza a S. Marinella soggiorni gratuiti per i bambini del reparto oncologico dell’ospedale Bambin Gesù di Roma e per le loro famiglie. L’attività si svolge in coordinamento con il reparto ospedaliero e offre tali soggiorni come momento di svago e unione per le famiglie provate da percorsi terapeutici spesso estenuanti e condotti lontano da casa. Quest’anno a causa dell’emergenza coronavirus non è stato possibile ospitare le famiglie dei bambini, sottoposti a misure restrittive particolarmente impegnative a causa del contagio. Non è stato possibile organizzare il “Flavia’s Day”, l’annuale momento di intrattenimento dell’associazione giunto lo scorso anno alla sua settima edizione. Si è deciso di celebrare comunque la pedalata che, di solito, apriva l’evento che quest’anno è stato rimandato.

Nel pomeriggio di sabato una carovana di oltre 200 partecipanti di ogni età si sono radunati al parco Amore e hanno attraversato la città fino al porticciolo salutando spettatori e sostenitori che avevano addobbato i propri esercizi commerciali per l’occasione.

Per garantire al meglio la sicurezza stradale e la gestione del rischio Covid l’organizzazione dell’evento è stata regolata da un protocollo anticontagio e dalla sorveglianza e assistenza dei Vigili urbani e dei volontari coadiuvati dai ciclisti della ASD Rafariders.

All’arrivo al porticciolo gli organizzatori hanno trattenuto i partecipanti per un breve saluto rimandando le attività di interazione e intrattenimento a tempi migliori. I fondatori e gli organizzatori dell’associazione sono stati particolarmente colpiti da un simile successo di partecipazione e ci tengono a ringraziare sostenitori e simpatizzanti che hanno reso possibile anche questo evento.

(foto di Antonello Casalini)