S. Marinella. Altre possibilità di lavoro per i percettori del reddito di cittadinanza

SANTA MARINELLA – Primi importanti risultati nell’inserimento in lavori utili dei percettori del reddito di cittadinanza di Santa Marinella. Lo comunica il Sindaco Pietro Tidei, che spiega: “Prosegue, infatti, incessantemente il lavoro dell’amministrazione che sta inserendo all’interno della macchina operativa del comune i beneficiari del sussidio che hanno iniziato anche una collaborazione all’interno dei vari settori e uffici del Comune. A oggi sono in servizio circa quaranta percettori, tra cui dieci sono gli assistenti che controllano gli ingressi dei vari plessi scolastici cittadini. Dieci persone, con le adeguate qualifiche sono state dislocate nei vari uffici comunali, tra cui biblioteca e museo. Ulteriori 10 percettori saranno impegnati a supporto delle squadre di manutenzione del Verde, non appena potranno essere dotati di tutti i dispositivi di protezione individuale.

“Inoltre – prosegue il Primo cittadino – abbiamo inserito alcune signore che collaborano con la Società Multiservizi nei lavori della pulizia degli uffici comunali. Dobbiamo però constatare purtroppo che ci sono ancora tanti residenti che pur beneficiando del reddito seguitano a non volersi presentare negli uffici comunali. Questo si sta ripetendo nonostante i responsabili del settore li abbiano, ripetutamente, contattati telefonicamente o inviato loro delle notifiche. Ci risulta che, decine e decine di persone, seguitano a non rispondere all’appello, nonostante per le persone ritenute idonee al lavoro e che dunque che non siano state esentate, anche per motivi di salute, partecipare fattivamente ai progetti di lavori socialmente utili non è facoltativo, bensì obbligatorio. Per questo motivo ci vedremo costretti a segnalare questi percettori all’INPS per i dovuti accertamenti così come richiesto dalla normativa vigente”.

“Oltre ai manutentori del verde – conclude Tidei – sono in arrivo altre dieci unità che aiuteranno i 35 volontari della Protezione civile, al fine di evitare gli assembramenti in varie zone della città, tenendo conto il vasto numero di percettori del reddito di cittadinanza residenti a Santa Marinella. Entro marzo siamo certi di inserire almeno 100 unità da collocare nei vari progetti che stiamo elaborando”.