Nuovo ritrovamento a Palo Laziale

LADISPOLI – A seguito di alcune segnalazioni e in concerto con la Dottoressa Rossella Zaccagnini della Soprintendenza Archeologica, nella giornata di ieri è stato effettuato un sopralluogo sulla spiaggia in zona Palo Laziale dove era stata indicata la presenza di ossa pertinenti, presumibilmente, ad una sepoltura antica.

“Purtroppo – ha dichiarato la dottoressa Annalisa Burattini, delegata al patrimonio storico e archeologico del Comune di Ladispoli – ho dovuto constatare che l’area che c’era stata segnalata era stata scavata ed erano state riportate alla luce alcune parti di uno scheletro riferibile ad un animale di grossa taglia, forse un cavallo. Già in passato, in questa stessa area si era provveduto a mettere in sicurezza alcune sepolture che le forti mareggiate avevano riportato alla luce. Con rammarico, oggi abbiamo dovuto constatare che lo scavo è stato fatto da qualcuno che ha scavato la duna per semplice curiosità o solo per riportare a casa un macabro tesoro. Mi dispiace, altresì, che dobbiamo apprendere le notizie dai social network: forse sarebbe più importante che queste persone, prima di comunicare al “grande pubblico” comunicassero la notizia agli Enti competenti o alle Forze dell’Ordine. Comunque, le ossa sono state recuperate per un eventuale approfondimento”.