Ladispoli celebra la Giornata del Ricordo con una lapide alla memoria dei martiri delle Foibe

LADISPOLI – “Il Giorno del Ricordo sarà celebrato a Ladispoli a partire dalle ore 10.00 in Piazza dei Caduti, dove sarà deposto un mazzo di fiori in ricordo dei Martiri delle Foibe e degli esuli Giuliano-Dalmati-Istriani”.

Le parole sono del sindaco Alessandro Grando che ha annunciato come la città di Ladispoli intende ricordare le migliaia di italiani che furono barbaramente trucidati nelle foibe ed il drammatico esodo giuliano dalmata dopo l’otto settembre 1943, giorno dell’armistizio.

“In occasione della cerimonia – prosegue Grando – scopriremo una lapide commemorativa dedicata ai #Martiri delle #Foibe, posizionata per l’occasione all’interno del Monumento ai Caduti di tutte le guerre. Subito dopo le iniziative si trasferiranno presso il Centro di Arte e Cultura, dove alle ore 11:30 il Professor Settimio La Porta terrà una breve conferenza dal titolo “Una visione storica delle popolazioni dell’Italia orientale”. La mattinata si concluderà con delle letture, riflessioni e un breve dibattito. Graditissimi ospiti saranno l’Opera Nazionale Caduti senza Croce e il Dott. Oliviero Zola, colui che ha promosso nel 2004 la Giornata del Ricordo, già segretario della ANVGD tra il 1998 e il 2008, figlio di esuli da Fiume, nato nel quartiere Giuliano-Dalmata e testimone del dramma dell’esodo. Il 19 febbraio alle 18:00, presso il Teatro Marco Vannini, si terrà il concerto in ricordo dei Martiri delle Foibe e degli esuli Giuliano-Dalmati-Istriani a cura del Gruppo Strumentale Ars Nova, “Beethoven Idea di Libertà” con musiche di Rossini e Beethoven”.