Bracciano, l’Assessore al Bilancio Testini: “Caro pentastellato, i numeri si leggono non si danno”

335

BRACCIANO – Dall’Assessore al Bilancio Testini riceviamo e pubblichiamo:

Sul tentativo del consigliere Marco Tellaroli di screditare l’immagine dell’Ente e insinuare che il Comune è in pericolo dissesto finanziario interviene con carte alla mano l’Assessore al Bilancio Luca Testini il quale, dopo la nota del Sindaco Armando Tondinelli, entra nel merito della questione: “È stato sollevato un polverone mediatico – dice Testini – da parte del consigliere di minoranza Tellaroli, del M5S, il quale asserisce che le finanze comunali non sono state affatto risanate, anzi sta aumentando il disavanzo di amministrazione che al 31 dicembre 2019 sfiora euro 6.900.000.

È lo stesso personaggio che negli anni passati scriveva che la Corte dei conti o aveva le “traveggole”, come veniva imputato pure a lui, o che andavano licenziati tutti gli esperti che avevano consentito che non fosse respinto il Piano pluriennale di riequilibrio, compresi quelli della stessa Corte e del Ministero dell’Interno.

È noto a tutti come sono andate poi le cose. Anche oggi fa carico all’Amministrazione di diffondere menzogne che, però, non trovano riscontro nei dati finanziari del bilancio e cito testualmente il pentastellato “ciò che maggiormente colpisce in questo rendiconto e che è l’unico elemento che conta in un bilancio consuntivo è il disavanzo e sui numeri..non si può fare propaganda”. Affermazione verissima, che però prevede la capacità di saper leggere quei numeri e questa sembra una dote poco comune. Proviamo allora a ripercorrere e a risalire alla genesi del disavanzo che ha inizio nel 2015. A questo punto mi sembra davvero doveroso. A seguito del riaccertamento straordinario dei residui, emerge un disavanzo di euro 3.122.181 a fronte del quale l’allora Giunta Sala delibera che venga spalmato e rimborsato in 30 anni, dal 2015 al 2044, con accantonamenti annuali di euro 104.072. Subito dopo – prosegue l’Assessore Testini – vengono evidenziate alcune anomalie che fanno emergere un ulteriore disavanzo di euro 6.599.369.
Nel frattempo viene ammortizzata la quota annuale del primo disavanzo che scende così ad euro 3.018.108.

La somma dei due disavanzi ammonta ad euro 9.617.78.Questa, pertanto, è l’entità del disavanzo ereditato dall’Amministrazione Tondinelli: euro 9.617.478.Da allora, 2016, l’importo si è andato sempre riducendo nel pieno rispetto degli impegni assunti e sempre sottoposti al rigido controllo della Corte dei conti. Si deve presumere che il consigliere Tellaroli non si sia accorto che oltre ai due disavanzi di cui sopra, l’Ente ha dovuto recuperare la somma di euro 1.462.712 dovuti alla quota di Fondo Anticipazione Liquidità, e che, detratta, conferma la riduzione del disavanzo anche per il 2019.Con questi numeri sarebbe più che lecito mostrare orgoglio e farne propaganda, perché sono reali e non frutto di strumentali critiche, a differenza di chi si fa propaganda sulla cattiva informazione. Ad ogni modo ricordiamo a tutta la minoranza faziosa, facinorosa e soprattutto poco pratica di conti che i risultati del rendiconto anno 2019 appena approvato dall’amministrazione Tondinelli rispetto all’ultimo rendiconto approvato dall’amministrazione Sala sono riportati qui sotto.

Il raffronto è tra il rendiconto 2019 approvato il 27 luglio del 2020 e il rendiconto 2014 approvato il 3 giugno del 2015 della precedente amministrazione:

Il fondo di cassa complessivo nel 2014 era di – 298.362,14 euro mentre nel 2019 è di 3.457.125,73 euro con un incremento di 3.755.487,87 euro

Il risultato di amministrazione nel 2014 era di 765.407,18 euro mentre nel 2019 era di 18.757.722,92 euro con un incremento di 17.992.315,74 euro

Le riscossioni nel 2014 erano di 22.336.398,37 euro mentre nel 2019 di 42.978.695,06 euro con un incremento di 20.642.296,69 euro

I pagamenti nel 2014 ammontavano a 23.025.688,46 euro mentre nel 2019 ammontano a 41.315.227,20 euro con un incremento di 18.289.538,74 euro

La matematica non è un’opinione e quindi al pentastellato consiglio di leggere bene i numeri anziché darli”