“Quel pantano dello Spigarelli”

0
155

CIVITAVECCHIA – Spett/le Redazione,
chissà a quale “genius” di turno a qualche lontana scrivania di qualche accidioso Ufficio “competente” è scattata da qualche giorno la scintilla di inviare zelanti Agenti a multare i “rei” colti in flagrante a passeggio con i loro cagnolini (…udite..udite!) sciolti e senza museruola (!) in un pubblico spazio che già però, ed ormai da tempi lontani, ha perso ogni requisito per qualificarsi “Parco”, ma di certo con più coerenza definibile (insidioso e pericoloso!) “Pantano”…o “Palude”, fate voi! E sì, perchè così continuando la cocciuta trascuranza municipale, a breve occorreranno le idrovore per prosciugare i sempre più estesi spazi allagati da un sempre più vigoroso torrentello originario da una sorgiva da tubature più volte (e malamente riparate) che, dopo aver impregnato il terreno adiacente, estende l’esondazione anche nei vialetti selciati fin’ora risparmiati … dopo che anche (l’ex!) pista di pattinaggio s’è ormai irrimediabilmente disastrata.
Diversamente l’alternativa a tutela della pubblica incolumità resta la totale chiusura alla frequentazione!
La riflessione che a questo punto s’affaccia al cittadino che paradossalmente paga con le tasse anche la cura dei cosiddetti “spazi verdi” è: se il Municipio (o quel famoso “genius”) pensa che quelle misere contravvenzioni possano incidere a beneficio delle cronicamente piangenti casse comunali, ebbene, ogni peggior commento è scontato ! Se invece proprio “non ci sono soldi” per un radicale intervento di recupero, quell’ingenuo cittadino pensa che ci sarà pure una valvola d’interruzione generale del flusso al “Pantano” : ed allora perchè (ma temporaneamente !) non si serra? Mentre insiste a ritenere sempre la miglior soluzione , peraltro, se ben ricordiamo nel programma elettorale del nostro pentastellato Sindaco, l’appalto in gestione a privati.

Gennaro Goglia

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY