“L’onestà”

0
295

CIVITAVECCHIA – Da Pasquini dell’OC un nuovo sonetto intitolato “L’onestà”

Quanno jje dichi che nun è capace
Te risponne che lui adè tanto onesto.
E devi quinni sopportà er dissesto,
La città che va a fonno e nun ce piace.

Ma poi famme capì core mio santo,
St’onestà che lui dice de tené
E’ un dono specialissimo che tiè
Che er padreterno ha dato a lui sortanto?

E’ er segno de ‘na grazia assai speciale
Pe’ distingue li boni dai cattivi,
L’onesti da li fijj de ‘na mignotta?

Te devo confessà ch’è gnente male
Sto strombazzacce sempre d’esse privi
De li vizzi d’ogni anima corrotta.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY