“Ignorantia legis neminem excusat”

0
212

CIVITAVECCHIA – L’Italia è annoverata tra i Paesi più avanzati nel campo dell’affermazione dei diritti delle persone con disabilità, Civitavecchia in questi ultimi tempi,soprattutto in questi giorni dall’apertura della scuola viene collocata fuori l’orbita terreste ad emblema della giunta che la rappresenta i cinque stelle che con il loro sindaco Cozzolino non vivendo sul suolo terreste non conoscono la legge umana,la legge che ogni Stato adotta per garantire ordine sul territorio,ovviamente non essendo terresti tentano di vendere coriandoli travisando dei decreti normativi.
La risposta (lettera pubblicata su un noto social network) che il sindaco Cozzolino ha dato mediante la Brullini alla famiglia di uno dei ragazzi che in questi giorni a causa della disorganizzazione e inadeguatezza dell’ Assessore ai servizi sociali poteva anche rimanere a casa,se non fosse stato, ripeto, per la generosità del Presidente della Cooperativa AGA che ha garantito il trasporto casa-scuola sia per il ragazzo in questione che per il secondo alunno permettendo la continuità delle lezioni, è disarmante offensiva voglio aggiungere, perché le famiglie che vivono giornalmente dentro la dimensione della disabilità sono stanche di lottare per i propri diritti, per rendere più agevole la vita del proprio caro, queste famiglie affrontano quotidianamente un gravoso impegno assistenziale e psicologico e alcune tipologie di handicap determinano un ulteriore peso emotivo dovuto alla stessa patologia.
Al sindaco Cozzolino vorrei domandare come ha partorito l’idea che il giovane Airi colpito da una malattia degenerativa per recarsi a scuola deve prendere la linea F perché non è più di vostra competenza il suo spostamento considerando che ha 16 anni, secondo lei sindaco è una risposta intelligente? Se durante il trasporto dovesse succedere qualcosa al ragazzo dove cadrebbe la colpa sull’ autista? Sulla compagnia dei trasporti?
Questa amministrazione fantasma compreso il suo sindaco deve informarsi prima di inviare lettere prive di buon senso,prive di fonti legali, sindaco le consiglio di studiarsi la normativa di legge prima di dare ‘’fiato alle trombe’’ dovete tornare tra ‘’noi comuni mortali’’, dovete sapere che il trasporto dei minori disabili, ed il giovane Airi è MINORENNE deve avvenire utilizzando veicoli che possiedono una idoneità adatta alla particolarità del servizio da espletare e con la presenza di un accompagnatore idoneo.
La legge sindaco deve essere studiata,interpretata poi applicata la Costituzione Italiana sancisce i principi generali sulla pari dignità sociale e uguaglianza di tutti i cittadini senza distinzioni di condizioni sociali e personali, sostiene l’obbligo e il diritto all’istruzione per tutti fino al conseguimento dei livelli più elevati di istruzione, art. 33 – 34 Costituzione inoltre abbiamo Dlgs 112/98, art. 139, co. 1 lett. C, tale Dlgs. viene confermato anche dal TAR nel 2007 dove si precisa la competenza riguardo i servizi di base relativi all’istruzione secondaria superiore per gli alunni disabili,adesso facciamo i conti ‘’della serva’’ragioniamo in termini spiccioli,perché temo che le grandi frasi da lei sindaco potrebbero non essere capite,pertanto considerando che la scuola secondaria corrisponde alla scuola superiore (licei e altro),considerando che questa responsabilità rientra nella competenza dei Comuni lei Cozzolino ha intenzione di lavarsene le mani come Ponzio Pilato?
Lei sindaco è a capo di questa città i problemi deve risolverli non portarli infondo se ci pensa viene pagato per questo ho sbaglio?
Ai tempi dei Romani lei sindaco sarebbe stato già rimosso dall’incarico, perché nell’antica Roma il diritto doveva essere imparato come un secondo abito i latini sostenevano: Ignorantia legis neminem excusat, stia tranquillo sindaco ora le dico la traduzione significa: l’ignoranza della legge non scusa nessuno.
Saluti dal pianeta terra

Barbara Costanzo

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY