“Er disinteresse”

0
282

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino di Civitavecchia, un nuovo sonetto, intitolato “Er disinteresse”.

Mì padre ch’era un omo assai istruito
Me diceva che quanno fai der bene
T’hai da sta zitto, nun devi fa’ scene,
Solo così poi esse riverito.

Ma si quarcuno proprio nun se tiene
E pensa de dove’ esse applaudito,
Vor dì che de sicuro v’ha mentito
Che l’ambizione lui nun la trattiene.

Sinneco e presidente l’artra sera
Pe’ rimedià du’ spiccioli a natale
Hanno voluto fa’ da cameriera.

E come ne ‘no spot elettorale
In posa cor grembiule e la zuppiera
Se so’ esibiti puro sur giornale.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY