La CPC2005 batte la Csl e ritrova la vetta

0
145

CIVITAVECCHIA – La CPC2005 batte la Csl per 2-1 davanti ad una tribuna gremita al limite della capienza e ritrova in un sol colpo, complice la sconfitta della Corneto, anche la vetta della classifica. È un derby diametralmente opposto rispetto a quello dell’andata, i portuali sono sul pezzo già dagli spogliatoi e non ce ne sarà per nessuno. La Csl è troppo remissiva, frenata nei dialoghi nella zona nevralgica del campo offenderà poco.

Mister Caputo deve rivedere i piani della viglia: Treccarichi non c’è, fermato dalla febbre, e rivoluziona il centrocampo facendo esordire in campionato dal primo minuto Le Rose, e riportando Serpieri nel duo difensivo al fianco di Gimmelli. Il resto vede Pancotto tra i pali, con ad agire sulle fasce Funari e Feuli, mentre Bevilacqua e Le Rose nella zona nevralgica del campo a innescare Ruggiero tra le righe. Davanti a tutti Spanò, al suo fianco Gallo e Tabarini.

Per vedere il primo tiro verso lo specchio bisogna aspettare il quinto, Gaeta dai venti metri spedisce sul fondo. Scaramucce nel mezzo del campo poi la CPC2005 costruisce la sua prima vera palla gol, sull’asse Feuli/Gallo l’esterno difensivo va al tiro da buona posizione; facile Paniccia. Sul proseguo dell’azione Funari sembra essere trattenuto in area, colpisce ugualmente di testa mandando la sfera di poco a lato. Manca poco al vantaggio, la CPC2005 sembra padrona del campo e argina le folate ospiti con facilità. La svolta arriva al ventiseiesimo, Le Rose apre per Tabarini che appoggia a Funari a tu per tu col portiere, tiro dell’esterno portuale con Paniccia che non trattiene la sfera mandando, di fatto, in vantaggio la CPC2005. La Csl ha subito il colpo, davanti non propone più nulla e la CPC2005 raddoppia. Fallo su Ruggiero che costa tra l’altro l’ammonizione per Della Camera, punizione dal limite di Bevilacqua che apre per Funari, di testa a superare Paniccia e servire Gimmelli che solo, davanti alla porta sguarnita, non sbaglia. Due a zero. La Csl potrebbe riaprirla al 45, quando Saraceno fa partire un tiro che supera Pancotto, ma vede la sfera spegnersi sulla traversa. Si va a riposo sul due a zero, non è finita, la Csl è viva.

È una ripresa di controllo per i portuali, la Csl è rintanata dietro seppur sia sotto di due reti. Serpieri sugli sviluppi di un corner ha sulla testa la palla del terno, ma la palla sfila fuori. La Csl con Peveri manda di poco a lato dando l’illusione del gol poco dopo, ma al momento è solo illusione. Poco dopo diventa realtà, duetto degli avanti ospiti fin a portare Saraceno al tiro che tira fuori dal cilindro l’asso, piazzando in fondo alla rete l’uno a due. Fracassa toglie Campari e inserisce Castagnola, si tenta di pareggiarla. L’unico sussulto per gli ospiti lo da però il solo Spirito quasi allo scadere, la sua pennellata su punizione trova Pancotto a respingere la sfera. Peveri si fa espellere poco dopo per un fallo su Tabarini, e non c’è più tempo per far altro. La CPC2005 vince e, complice la sconfitta della Corneto sotto i colpi di Zeoli e company, ritrova la vetta in coabitazione degli stessi viterbesi.

Il Presidente Patrizio Presutti a fine gara: “Siamo contenti della vittoria che combacia, grazie alla contemporanea sconfitta della Corneto, con il ritorno in vetta al girone. Sappiamo bene che non si è fatto nulla, la strada è ancora lunga. Servivano i tre punti e cosi è stato, abbiamo giocato una buona gara soffrendo poco o nulla. Avanti cosi e ora testa alla coppa di mercoledì”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY