In 250 all’Uliveto per il “Trofeo Conad”

0
123

CIVITAVECCHIA – Si è conclusa con successo il Trofeo Conad Parco dell’Uliveto, andato in scena domenica nell’omonimo parco cittadino e inserito nel calendario del Trofeo Romano Scotti Gruppo Forte.

Oltre 250 atleti al via. La prima impressione che si ha di questo tracciato di 1,8 km, è la durezza tecnica. Curva dopo curva si guida, si rischia con i sorpassi, si spinge la bici sugli strappi e ogni metro disegnato dagli organizzatori, concorre a far risaltare le qualità atletiche dei corridori, dai più giovani agli Elite. Ad alzare le braccia sulla linea del traguardo è l’umbro Riccardo Ridolfi di CIB Montanini Eco Futura. Trionfa davanti ad un under23, Roberto Carroccia di Aurunci Cycling e a Luca Fattori, in maglia Pro bike Riding Team. Il regolamento di Lazio Cross, vuole che la batteria Open, anticipi di poco la batteria Master di fascia 1. I master dunque si lanciano a colmare il più possibile il gap sugli agonisti e tra di loro (ELMT, M1,M2,M3) si sono distinti corridori di un certo talento come Ludovico Cristini (civitavecchiese F.lli Petito), Domenico Ponzo (Piesse Cycling) e Lorenzo Carlini (Triono Racing Team), il trio è sul podio assoluto della fascia 1. Tra le donne di categoria Open, Giulia Quattrini difende i suoi colori del Gruppo Pontino Sermoneta e a precederla in gara, ci sono gli Juniores. Un altro umbro ieri ha dato fuoco alle polveri ed è stato Matteo Laloni, stradista di base e ciclocrossista oramai da qualche stagione. Il bravo spellano ha avuto la meglio su Lorenzo Iacovacci (Aurunci Cycling) e Andrea Casconi (GS Pontino Sermoneta). Gli uomini e le donne della categoria Allievi sono stati inseriti nella batteria precedente gli Esordienti (categorie nazionali). A salire sul primo gradino del podio maschile, è Federico Minori, apriliano della Punto Bici e decisamente motivato sulle due ruote, da poter mettere in riga un atleta di grande livello tecnico come Federico De Paolis (Race Mountain Folcarelli Team). Terza piazza per Valerio Pisanu che difende egregiamente i colori del team Folcarelli, dopo un inseguimento faticoso della testa della corsa, prodotto giro dopo giro. Tra le ragazze, il trio a podio è rappresentato dai nomi Pallagrosi, Parotto, Capagni. Sono sempre loro a brillare nel centro d’Italia. Aurora Pallagrosi è l’atleta di casa a Civitavecchia (TRZ Cycling), Martina Parotto corre per Punto Bici, la stessa realtà apriliana di cui fa parte Sofia Capagni (Team Folcarelli). A conclusione della prova degli esordienti, si laurea campione di giornata Lorenzo Cipriani e tra le ragazze, Eleonora La Bella. Entrambi adolescenti in crescita esponenziale, nel cuore del vivaio Punto Bici. La batteria Master di fascia 2 è quella dove corre Massimo Folcarelli che in questa disciplina, non ha troppi rivali al momento. Tra le donne master si impone Mariangela Roncacci, anch’ella collaboratrice di Folcarelli e del suo team. Da questa edizione di Lazio Cross, anche la fascia 3 dei master è presente e numerosa. Oggi, trionfa Mario Quattrini, master6 del Gruppo Sportivo Pontino Sermoneta. I G6 ovvero, la categoria giovanile che corre la prova di 20 minuti, ha avuto come suoi migliori rappresentanti Sara Petracca (Team bike Monterotondo) e Giacomo Serangeli (Ruota Libera Terni).

La cerimonia di premiazione è stata piena di soprese, in primis, la presenza di Daniele Peschi (categoria ID2), il pupillo di TRZ Cycling ma anche di tutta la realtà del Giro d’Italia di ciclocross, poi la visita di Antonio Zanon, presidente del Comitato regionale Lazio e di alcune autorità civitavecchiesi con le loro famiglie. Il trofeo Conad, ha assunto tale nome per tutti i premi messi a disposizione dalla nota catena commerciale, al fianco di Conad, c’è Caffè Piacentini con le sue cialde di caffè per tutti i primi di categoria, ed l’immancabile Gruppo Forte che ha confezionato tutte le maglie di leader anche per questa edizione. Le classifiche complete saranno disponibili sulla pagina social Lazio Cross e sul sito www.ciclocrossroma.it nella casella dedicata.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY