30a edizione con i fiocchi quella del Giocagin 2017

0
317

CIVITAVECCHIA – 30a edizione con i fiocchi quella del Giocagin 2017: la storica manifestazione organizzata dalla Uisp – Comitato Territoriale di Civitavecchia, si è svolta domenica scorsa presso il Palazzetto dello Sport Insolera – Tamagnini in contemporanea con altre 52 città italiane, con il Patrocinio del Comune di Civitavecchia, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero del lavoro e politiche sociali e della Medaglia del Presidente della Repubblica. L’iniziativa dedicata al movimento in tutte le sue forme ha visto partecipare ben 9 Associazioni del comprensorio: Asd PYT Hip Hop Dance Studio di Bracciano, Asd Arci Uisp Campo dell’Oro, Asd Centro Danza Classica e Contemporanea, Asd Iron Team Kick Boxing, Asd Sweet Faces Hip Hop School Dance, Asd Selene Sport & Life di Bracciano, Asd Urban Stile, Asd Lude, le squadre di ginnastica ritmica della Scuola Media Manzi di Civitavecchia, che si sono alternate tra sfilate, esercizi di ginnastica ritmica, danza e kickboxing. A completare la ricca scaletta del Giocagin le zin Elisabetta Paolacci e Paola Romano con le esibizioni dei loro gruppi di Zumba Fitness. Ad aprire la giornata i saluti del Vice-Sindaco del Comune di Civitavecchia, dott.ssa Daniela Lucernoni, rimasta favorevolmente colpita della massiccia partecipazione all’iniziativa. In circa due ore e mezzo di manifestazione sul parquet del Palasport hanno svolto i propri esercizi e le proprie coreografie ben 450 atleti di tutte le età incitati continuamente dagli spettatori che hanno letteralmente riempito i posti a sedere delle tribune.
A concludere la giornata il coloratissimo saluto dei partecipanti che si sono esibiti tutti insieme nel flash mob di saluto tra tutte le città coinvolte nell’iniziativa, ed i ringraziamenti della Uisp a tutti i partecipanti con la consegna dei diplomi di Giocagin. Come consuetudine Giocagin è sinonimo di solidarietà: con Giocagin 2017 continua il sostegno ai campi di accoglienza del Libano, in particolare nel distretto di Macharia al Qaa, dove la situazione è tragica: nei campi manca di tutto, cibo, vestiti, medicinali, acqua potabile.
Sono stati riportati casi di malattie dell’apparato intestinale e respiratorio. Nonostante la possibilità di accedere a MAQ, resta comunque difficile assistere le famiglie poiché molte di esse dipendono dalle decisioni del proprietario terriero su cui sono installate le tende in cui vivono. Fatto che aumenta il rischio di sfruttamento delle famiglie, tra cui il lavoro minorile e SGBV nei confronti dei bambini e delle donne. Questi includono le peggiori forme di lavoro minorile, molestie da parte dei datori di lavoro nei confronti delle ragazze, dei minori separati dai tutori, matrimoni precoci, violenza domestica, abusi verbali e punizioni corporali. Inoltre, l’isolamento e movimento limitato imposto alla popolazione che abita a MAQ, aggrava ulteriormente la situazione. La mancanza di sicurezza, i meccanismi di applicazione della legge, così come il movimento ristretto imposto agli attori umanitari che operano nei campi di Child Protection e violenza sessuale e di genere impedisce di dare una risposta di protezione per queste violazioni. Giocagin per il 2017 si farà carico di un piccolo pezzo di questa grande emergenza. I bambini hanno diritto al gioco e a vivere la propria infanzia. La fondazione Terre des Hommes è da sempre in prima linea in difesa dei bambini. Nell’ambito di un più ampio progetto che affronterà in primo luogo le emergenze, abbiamo previsto insieme l’acquisto di un ludobus che possa aiutare ad affermare, anche in queste zone, il diritto dei bambini al gioco e a vivere la propria infanzia. Nostri formatori inoltre daranno tutta l’assistenza necessaria agli operatori locali per l’avviamento delle attività.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY