Le api sanno come contare da zero…

0
232

Molti animali possono contare, semplificando, sanno come ordinare mentalmente diverse quantità, ad esempio di cibo o altri animali con cui competono. La loro sopravvivenza dipende da questo. Gli scimpanzé, in alcuni casi, rendono questi calcoli più veloci delle persone. Ma pochi animali iniziano a contare da zero, cioè quelli che capiscono che niente ha un valore numerico inferiore all’unità. Almeno questo è quello che pensano gli scienziati, che fino ad ora avevano identificato questa abilità solo nei delfini, nei pappagalli, nelle scimmie e negli umani più vecchi di quattro anni.

Uno studio pubblicato oggi su Science, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, mostra che le api si uniscono a questo gruppo selezionato. Per testare gli insetti, diversi ricercatori provenienti dall’Australia e dalla Francia hanno addestrato due gruppi di api. Su uno schermo rotante, gli scienziati hanno inserito coppie di lettere bianche stampate con due, tre, quattro o cinque figure geometriche nere, come le carte. In un gruppo, le api hanno ricevuto una dolce ricompensa appollaiandosi sulle carte con il maggior numero di figure. Nell’altro, la ricompensa era associata al valore più basso. Quando gli animali hanno appreso le regole del gioco, gli scienziati hanno introdotto due nuovi elementi: la carta vuota (zero) e la carta di una singola figura geometrica (uno). Le api addestrate a cercare i valori più piccoli sono state in grado di estrapolare la regola e volare verso la carta vuota invece della carta con la figura. “Dimostrano di capire che il set vuoto è più piccolo di quello, il che è difficile per altri animali”, scrivono gli autori su Science, alludendo a precedenti studi con pappagalli e scimpanzé.

In un’estensione dell’esperimento, gli insetti hanno scelto lo zero invece delle carte con cui avevano già allenato o altri con nuove figure geometriche. L’esecuzione non era perfetta; alcune api avevano torto. Ma alcune persone sono anche più brave in matematica che in altre. Inoltre, in alcuni casi esperienze di formazione diverse possono entrare in conflitto. Ad esempio, un’ape addestrata con le carte da due a cinque è abituata a vincere la ricompensa ogni volta che le due foglie. Tuttavia, di fronte alla nuova possibilità di scegliere tra due e zero, l’ape ha un dilemma: è condizionata a cercare il valore più piccolo, ma la sua esperienza è che i due sono sempre stati premiati. I ricercatori possono davvero affermare che queste api comprendono il concetto di zero perché nel loro ultimo esperimento hanno dimostrato il cosiddetto effetto di distanza: gli animali avevano meno problemi nell’identificare zero come valore minimo più alto era il valore della seconda carta.

“Mi sembra uno studio molto ben fatto e mi ha affascinato leggerlo”, afferma la psicologa Rosa Rugani dell’Università di Padova (Italia), che non ha partecipato a questa ricerca. Nel 2015, Rugani e i suoi colleghi hanno dimostrato nella stessa rivista scientifica che i pulcini di pollo associano piccoli valori numerici con il lato sinistro e grandi con il destro. “Le api hanno mostrato l’ effetto della distanza , che è fondamentale per dimostrare ed essere in grado di parlare di competenza aritmetica negli animali. La sua esecuzione è più precisa e veloce quando la distanza tra i valori è maggiore – spiega – Ad esempio, è più facile distinguere un set di nove da uno di 100 piuttosto che differenziare un set di nove contro uno di dieci”.

La scoperta è particolarmente significativa perché, fino ad oggi, la comprensione del valore zero era stata osservata solo negli animali vertebrati, separati dalle api nell’albero della vita 600 milioni di anni fa, osserva il biologo Andreas Nieder, dell’Università di Tubinga (Germania). Nieder, che non ha partecipato allo studio ma firma un articolo di analisi allegato a Science, sottolinea anche che il cervello dell’ape raccoglie a malapena un milione di neuroni, mentre le persone ne hanno circa 86.000 milioni. Lo studio non mostra intelligenza, ma la semplicità dell’elaborazione numerica, secondo Caroline Strang.

“Che un cervello così piccolo come quello delle api possa apprendere il concetto di zero ci apre la possibilità di capire come un cervello più grande e complesso abbia sviluppato questa capacità”, spiega uno degli autori dello studio, Jair García, della RMIT University a Melbourne (Australia). Secondo Caroline Strang, esperta di conoscenza di calabrone della Western University (Canada) che non è stata coinvolta in questa ricerca, i risultati dimostrano la semplicità dell’elaborazione aritmetica, piuttosto che l’elevata intelligenza degli insetti. Rugani aggiunge che questo studio punta all’evoluzione convergente della competenza aritmetica, cioè l’aspetto indipendente della stessa qualità in due lignaggi molto diversi (come l’evoluzione delle ali negli uccelli e negli insetti). Infatti, sia lei che Strang credono che queste complesse abilità matematiche scoperte nelle api siano molto più comuni di quanto pensiamo, e solo la scienza ha bisogno di testare più animali per scoprirli in altri gruppi. “Calcoliamo le quantità per scegliere le migliori fonti di cibo, per evitare i predatori, per trovare partner sociali. Gli animali selvatici devono farlo costantemente, quindi penso che la competenza aritmetica sia così comune nel regno animale”, ha spiegato Rugani.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY