“Si ciavrebbe”

0
330

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Si ciavrebbe”

Se dice che ner monno er cambiamento
Po’ cambià pe’ davero tutto quanto
Senza manco lasciacce ner rimpianto
Senza avecce nemmeno er pentimento.

Vor di che s’è perduto er sentimento.
Nun po’ esse che tutto è sacrosanto.
Si dichi “Si ciavrebbe” pe me è un pianto
E nun posso mannatte in parlamento.

T’immaggini er paese governato
Da chi parlanno dice ‘no sfonnone?
Io nun me sento più rappresentato.

Perché pé governà l’istituzzione
Si nun voi esse’ solo cojjonato
Ce vo’ onestà, ma puro l’istruzzione.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY