“Quant’era mejo…”

0
269

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Quant’era mejo…”

Quant’era mejo quanno adera peggio,
La vita se viveva co’ schiettezza
Ce se trovava più naturalezza
S’annava sotto braccio a fa’ er passeggio.

Mo’ ce s’ammazza puro pe un parcheggio.
E ce sta in giro un sacco de monnezza,
De gente che se guarda e se disprezza.
Sto tempo novo io nu lo festeggio:

Nun me ce trovo, nun me so’ adattato,
In giro ce sta troppa cattiveria
L’omo pe me dev’esse affratellato.

Te vojo dì ‘na cosa ch’adè seria:
Me pare d’esse stato trapiantato
In un monno ch’è fatto de miseria.

Pasquino dell’OC

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY