“Poteva fallo”

0
131

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto da titolo “Poteva fallo”

Er padreterno quanno ha fatto er monno
Nun ciaveva nessuna costrizzione
Adera tutto quanto n’invenzione
Poteva fallo piatto o fallo tonno

Poteva fallo a galla o fallo a fonno,
Poteva facce senza perdizzione
Facce felici o sempre in dannazzione
Facce sta in paradiso o a lo sprofonno.

E dato che era lui che decideva
E da bon padre decideva er mejo
Me chiedo: è questo monno che voleva?

Forse in quarche momento n’era svejo
Ma vedenno la piega che prenneva
Chissà ch’avrà pensato ner risvejo.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY