“Passeno l’anni”

0
216

CIVITAVECCHIA – da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Passeno l’anni”.

Passeno l’anni e viè la nostargia
Er passato te scoppia ner cervello,
Quello ch’è stato pare tutto bello,
Te cresce in core come pe’ maggia.

Quarche vorta ciai vojja d’annà via
Ne li posti ch’hai visto da pischello
Ndove pareva sempre un carosello
E se viveva senza ipocrisia.

La madre s’affacciava dar terrazzo
Strillava ar fijo pe’ fasse rispettà,
E spesso jje diceva “io t’ammazzo”

Ma nun adera mai la verità.
Da la strada veniva lo schiamazzo
Che dava er senso de normalità.

E mo’ come se sta?
“Un paese de zombi mo’ me pare
Ognuno, solo, sfrega er cellulare”

Pasquino dell’OC

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY