“L’onesto”

0
258

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “L’onesto”

A me quelli che dicheno so’ onesto
Me fanno venì subbito er sospetto,
Je vorrebbe risponne pe’ dispetto
Che el ladro dice sempre e solo questo.

L’onesto nu lo mette er manifesto.
Nun rubbà adè pe lui un precetto,
Né pretenne d’avecce er brevetto,
E’ l’eccezzione d’esse disonesto.

Invece quarcheduno s’è inventato
Pe guadagnà li voti all’elezzione,
Che tutti quanti stamo ner peccato

A parte lui e chi je tiè bordone.
E io che ne la vita mai ho rubbato
Me sento, come ditte? Un po’ cojone.

Pasquino dell’OC

  • Share/Bookmark
SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY