“Li specchietti”

0
289

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Li specchietti”

Doppo che pe’ cinqu’anni hanno dormito
Mo che semo vicini all’elezzione
Credono de ottené l’assoluzzione
Co quarche lavoretto striminzito.

Stamattina presempio ero basito
A vedé tajà l’erba sur portone
Ndove passavi solo cor forcone
Pe fatte largo e nun esse inghiottito.

E poi quarche ritocco pe le strade,
Un po’ de lavoretti d’occasione,
Scejenno bene dove l’occhio cade.

E so convinti che ce sta er cojone
Che je dai no specchietto e ce ricade,
Ma se succede annamose a ripone.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY