“Li sordi zozzi”

0
403

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto, intitolato “Li sordi zozzi”.

Si sei onesto lo sei ne la capoccia
L’onestà nasce drentro a le cervella
Si dici ‘na parola ha da esse quella
E nun pensi a ingrossatte la saccoccia.

“Nun volemo li sordi de chi ammazza
So sordi zozzi e zozzo è chi li prenne”
Er tono che t’usciva era solenne
Te ricordi? Strillavi ne la piazza.

E mo che sei ar potere, mo’ t’arrazza
Annà a chiede li sordi insanguinati?
O l’avranno puliti de ramazza?

E a noi che semo stati cojjonati
Nun ce resta che dì: che bella razza,
So proprio onesti sti pentastellati.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY