“Li sordi dell’Enel”

0
301

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto, intitolato “Li sordi dell’Enel”.

Ma guarda che pretese ‘sti signori
Che vonno che la giunta communale
Vada in Consijjo come in tribbunale
Da quelli che ce vonno buttà fori.

Dicheno che artrimenti adè illegale.
Ma noi che nun dormino sull’allori
E che volemo solo spettatori,
Noi trovamo ‘sta cosa innaturale.

Ma ch’adè tutta ‘sta democrazzia?
Adè un impiccio, ‘na rottura, e poi,
Che dovemo sparti la mercanzia?

Nun semo trasparenti dite voi,
Nun è così, nun stamo a fa’ razzia,
Noi semo trasparenti tra de noi.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY